1921 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

Sciuscià (1946)

Torna indietro

Sciuscià (1946)



Regia/Director: Vittorio De Sica
Soggetto/Subject: Sergio Amidei, Adolfo Franci, Cesare Giulio Viola, Cesare Zavattini
Sceneggiatura/Screenplay: Sergio Amidei, Adolfo Franci, Cesare Giulio Viola, Cesare Zavattini
Interpreti/Actors: Franco Interlenghi (Pasquale), Rinaldo Smordoni (Giuseppe), Aniello Mele (Raffaele), Bruno Ortensi (Arcangeli), Emilio Cigoli (Staffera), Gino Saltamerenda (Panza), Anna Pedoni (Nannarella), Leo Garavaglia (commissario di P.S.), Enrico De Silva (Giorgio), Antonio Lo Nigro (Righetto), Angelo D'Amico (siciliano), Antonio Carlino (abruzzese), Francesco De Nicola (Ciriola), Pacifico Astrologo (Vittorio), Maria Campi (chiromante), Peppino Spadaro (avv. Bonavino), Irene Smordoni (mamma di Giuseppe), Antonio Nicotra (Bartoli, l'assistente sociale), Claudio Ermelli (infermiere al commissariato), Guido Gentili (Attilio), Mario Volpicelli (direttore del carcere), Armando Furlai, Leonardo Bragaglia, Antonio Amendola [Tony Amendola], Edmondo Costa, Gino Marturano, Edmondo Zappacarta, Achille Ponzi, Piero Carini, Mario Del Monte jr, Mario Jafrati, Meyer
Fotografia/Photography: Anchise Brizzi
Musica/Music: Alessandro Cicognini
Montaggio/Editing: Nicolò Lazzari
Suono/Sound: Tullio Parmeggiani
Produzione/Production: Alfa Cinematografica (1946)
Distribuzione/Distribution: Ente Nazionale Industrie Cinemat. ENIC
censura: 533 del 04-04-1946
Altri titoli: Sciuscia, Shoe Shine, Shoe-shine, Schuschia (Schuhputzer), Sciuscià (ragazzi)
Trama: Pasquale e Giuseppe sono due monelli molto amici che, dopo l'arrivo degli Alleati a Roma, vivono facendo i più disparati mestieri. Mettendo insieme i loro risparmi, un giorno comprano un vecchio cavallo. Il fratello maggiore di Giuseppe approfitta dell'ingenuità dei due ragazzi per coinvolgerli in una truffa che una banda di ladri ha organizzato ai danni di una chiromante: vengono quindi anche loro individuati dalla polizia, arrestati con gli altri della banda e condannati. Nel carcere minorile, a contatto con altri ragazzi più cinici e scaltriti di loro, si trovano a un certo punto divisi e messi l'uno contro l'altro. Quando, durante una proiezione cinematografica, scoppia un incendio, un gruppo di ragazzi ne approftta per realizzare un piano di evasione dal carcere, e tra loro c'è Giuseppe. Pasquale teme che l'amico voglia rubargli il cavallo e si offre di guidare le guardie sulle tracce dei fuggitivi: raggiunge infatti Giuseppe, lo aggredisce rinfacciandogli l'amicizia tradita, ma il ragazzo, indietreggiando, cade in un torrente sottostante e muore. Pasquale è ora disperato.

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information