1979 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

L'adultera (1946)

Torna indietro

L'adultera (1946)



Regia/Director: Duilio Coletti
Soggetto/Subject: opera
Sceneggiatura/Screenplay: Tullio Pinelli, Ugo Betti
Interpreti/Actors: Clara Calamai (Velca), Roldano Lupi (Tarquinio), Carlo Ninchi (Dante Viburzi), Delia Brandi (Quirina), Dino De Luca (Egidio Viburzi), Carlo Romano (fattore), Angelo Calabrese (padre di Velca), Gualtiero Tumiati (vecchio indovino), Ernesto Bianchi (contadino), Bianca Avalise (Lucia), Cesare Polacco (vecchio dei gioielli), Eugenio Duse (compratore dei terreni), Giovanni Onorato (contadino sul biroccio), Luigi A. Garrone (ospite alla festa di battesimo), Alfredo Martinelli (ospite alla festa di battesimo)
Fotografia/Photography: Ubaldo Arata, Adolfo Alessandrini
Musica/Music: Enzo Masetti
Costumi/Costume Design: Gino Carlo Sensani
Scene/Scene Design: Enrico Verdozzi, Antonio Tagliolini
Montaggio/Editing: Gabriele Varriale
Suono/Sound: Tullo Parmegiani
Produzione/Production: Produzione Grandi Film Internazionali
Distribuzione/Distribution: Artisti Associati
censura: 465 del 27-03-1946
Trama: Alla fine del XX secolo, nella maremma etrusca, nella vecchia casa dei Viburzi, fanno gli agricoltori i due fratelli Dante ed Egidio. Egidio sta per sposare la giovane Quirina, e Dante mette gli occhi su una fiera e bella ragazza, Vecla di Nicola, e decide a sua volta di chiederla in sposa. La ragazza, nonostante sia innamorata di un giovane buttero della fattoria, Tarquinio, attratta dalle ricchezze dei Viburzi accetta l'offerta di Dante; e Tarquinio, deluso, lascia la fattoria. Un giorno però Tarquinio ritorna, intenzionato a sposare Virginia, la figlia di un piccolo agricoltore; ma nel riverlo in Vecla l'antica fiamma si riaccende, la donna lo provoca, e proprio la sera in cui si deve celebrare il fidanzamento di Tarquinio con Virginia, l'uomo va all'appuntamento sollecitato da Vecla. Dall'incontro nasce un figlio, che Dante crede suo. Tarquinio decide di partire, portando con sè Vecla e il figlio; ma la donna gli si rivolta contro e per salvarsi dalle accuse del marito, che sospetta la verità, accusa Tarquinio di averla circuita, di voler vendicarsi per essere stato da lei respinto, e impone a Dante e a Egidio di ucciderlo: nella notte in cui si consuma l'omicidio, Vecla impazzisce.

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information