1475 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

Via Montenapoleone (1987)

Torna indietro

Via Montenapoleone (1987)



Regia/Director: Carlo Vanzina
Soggetto/Subject: Carlo Vanzina, Enrico Vanzina, Jaja Fiastri
Sceneggiatura/Screenplay: Carlo Vanzina, Enrico Vanzina, Jaja Fiastri
Interpreti/Actors: Carol Alt (Margherita), René Simonsen (Elena), Marisa Berenson (Francesca), Corinne Cléry (Chiara), Luca Barbareschi (Guido), Fabrizio Bentivoglio (Roberto), Daniel Gélin (padre di Chiara), Valentina Cortese (madre di Guido), Renato Scarpa (marito di Francesca), Gianfranco Manfredi, Lorenzo Lena, Johan Bramberg, Paolo Rossi, Sharon Gusberti, Antonio Ballerio, Carmen Loderius (aspirante modella), Valeria Cavalli, Clara Colosimo (cameriera di Margherita), Marco Mazzilli, Paolo Tomei, Renzo Ozzano, Alberto Caneva, Serena Cantalupi, Maurizio Amigoni, Giuseppe Cuva, Gianni Franco, Gustavo Frigerio, Vera Gambacciani, Luciano Mandelli, Francesco Moraldi, Eraldo Moretto, Andrea Montuschi, Bruno Noris, Claudia Pozzi, Fabrizio Rogano, Franca Stoppi, Giorgio Taviani, Maurizio Volpi, Andrea Pinchetti, Alberto Caneva, Maria Isabella Mancini, Giorgio Tausani
Fotografia/Photography: Luigi Kuveiller
Musica/Music: Beppe Cantarelli
Costumi/Costume Design: Bruna Parmesan, Maria Straziota Vanzina
Scene/Scene Design: Ennio Michettone, Antonino Formica
Montaggio/Editing: Raimondo Crociani
Suono/Sound: Carlo Palmieri, Piero Fondi
Montaggio/Editing: Ruggero Mastroianni
Produzione/Production: C.G. Silver Film, Video 80, Reteitalia
Distribuzione/Distribution: Columbia Pictures Italia
censura: 82384 del 12-03-1987
Trama: Sullo sfondo dell'alta borghesia italiana del "made in Italy", si muovono e si intrecciano personaggi che parlano dell'amore, dei soldi, della moda, dell'omosessualità, della famiglia. Ma soprattutto parlano di donne, delle debolezze e della forza della donna italiana. In uno sfolgorante ritratto d'ambiente si svolge un melodramma moderno, in cui si mischiano ironia e sentimenti, con quel pizzico di vena italiana che sdrammatizza il dolore con l'ottimismo. C'è la storia della donna-mamma che si perde dietro il figlio sfuggente e rovina nella follia; c'è la single rampante, abituata ad avere uno stuolo di uomini e ad usarli, che si converte alla coppia; c'è la moglie che tradisce e che ovviamente si pente...

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information