2502 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

Io sono mia (1977)

Torna indietro

Io sono mia (1977)



Regia/Director: Sofia Scandurra
Soggetto/Subject: opera
Sceneggiatura/Screenplay: Sofia Scandurra, Lù Leone
Interpreti/Actors: Stefania Sandrelli (Vannina Magro), Maria Schneider (Suna), Michele Placido (Giacinto, marito di Vannina), Anna Henkel (Mafalda), Walter Ricciardi (Orio), Grisha Huber (Giottina), Paco Rabal (padre di Orio), Anton Diffring (padre di Suna), Rafael Machado, Miriam Maher, Gisella Burinato, José Suarez, Pietro Valsecchi, Massimo Milazzo
Fotografia/Photography: Nurith Aviv
Musica/Music: Giovanna Marini
Costumi/Costume Design: Elena Mannini
Scene/Scene Design: Elena Ricci Poccetto
Montaggio/Editing: Gabriella Cristiani
Suono/Sound: Nieves Zenteno
Produzione/Production: Clesi Cinematografica, Spirale 76, Albatros Filmproduktion, München, Muncher P.C., Madrid
Distribuzione/Distribution: Titanus
censura: 71177 del 22-12-1977
Altri titoli: Yo soy mía, Die Zweit Haut
Trama: Vannina, una giovane maestra, e il marito Giacinto, meccanico, durante una villeggiatura marina si incontrano con Mafalda, Suna e Giottina, tre donne diversissime che influiranno sulla presa di coscienza di Vannina, moglie-oggetto disponibile ad un marito-padrone che la ama secondo un metro comune a molti ma che ella riuscirà a rifiutare. Nelle lunghe ore che il marito la lascia sola si incontra con Orio e per la prima volta nella sua vita nasce un rapporto tenerissimo nel quale essa stessa si sente protagonista senza essere un semplice oggetto. Quando il marito deve tornare a Roma ella decide di rimanere nell'isola. Ecco Vannina, ora libera, comportarsi senza pregiudizi come le altre tre sue amiche. Ma quando un brutto giorno Orio, dopo una brevissima malattia, morirà improvvisamente, rientra a Roma. E' distrutta, stremata. Prova a trasmettere, cercandone comprensione, la sua disperazione a Giacinto, ma egli vuole solo la Vannina di prima, la donna di sua proprietà. Convinto che un figlio possa risolvere la situazione egli la violenta. Ma Vannina rifiuterà, abortendo, il figlio che il marito ha tentato di imporle e lasciata la casa, andrà a vivere da sola.

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information