670 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

Incantevole nemica (1953)

Torna indietro

Incantevole nemica (1953)



Regia/Director: Claudio Gora, Franco Ferrara
Sceneggiatura/Screenplay: Edoardo Anton, Jean Bernard Luc, Claudio Gora, Agenore Incrocci [Age], Furio Scarpelli
Interpreti/Actors: Silvana Pampanini (Silvia Albertini), Robert Lamoureaux (Roberto Mancini), Carlo Campanini (comm. Albertini), Ugo Tognazzi (direttore della fabbrica), Pina Renzi (moglie di Albertini), Nyta Dover, Giuseppe Porelli, Nando Bruno, Bruno Corelli, Renato Chiantoni, Mathilde Berry, Neville De Nardo, Nerio Bernardi, Gianni Agus, Mario Siletti, Benjamin Turpin [Ben Turpin], Gino Rossi, Buster Keaton, Robert Rollis, Annette Poivre, Raymond Bussières, Charles Fawcett, Achille Majeroni, Quartetto Stars
Fotografia/Photography: Leonida Barboni
Musica/Music: Raffaele Gervasio
Costumi/Costume Design: Giuliano Papi, Dina Di Bari
Montaggio/Editing: Stefano Canzio
Suono/Sound: Tullo Parmeggiani [Tullio Parmiggiani]
Produzione/Production: Orso Film, Lambor Films, Paris
Distribuzione/Distribution: Cei-Incom
censura: 15402 del 13-11-1953
Altri titoli: Pattes de velours
Trama: Il commendatore Albertini, proprietario di un'azienda casearia, fobico nei confronti del comunismo, si convince che Roberto, impiegato nella sua fabbrica, è il capo di una cellula comunista. Decide di portarlo dalla sua parte ricoprendolo di favori e privilegi. Lo promuove, lo invita a casa sua, gli dimostra quanto la vita borghese possa essere piacevole. Alla strategia adottata da Albertini nei confronti di Roberto si somma anche l'opera di seduzione della figlia Silvia che, affascinata dal giovane, se ne innamora e lo sposa. Ma Roberto, scoperto il motivo dell'interesse suscitato negli Albertini, obbliga Silvia a vivere con lui nel suo misero appartamento e propone al suocero una serie di modifiche nella conduzione della fabbrica intese a migliorare la qualità della vita degli operai. Albertini inizialmente rifiuta e Silvia non riesce a abituarsi facilmente al tipo di vita che è costretta a condurre con il marito Poi impara ad amarlo senza riserve, mentre suo padre finisce per attuare i cambiamenti suggeriti da Roberto, rassicurato dal nuovo clima di serenità che si respira tra gli operai.

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information