1593 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

Febbre di vivere (1953)

Torna indietro

Febbre di vivere (1953)



Regia/Director: Claudio Gora
Soggetto/Subject: opera
Sceneggiatura/Screenplay: Suso Cecchi D'Amico, Leopoldo Trieste, Lamberto Santilli, Luigi Filippo D'Amico [Filippo Mercati], Claudio Gora
Interpreti/Actors: Massimo Serato (Massimo), Marina Berti (Lucia), Anna Maria Ferrero (Elena), Marcello Mastroianni (Daniele), Alessandro Mancinelli-Scotti [Sandro Milani] (Sandro), Nyta Dover (Simona), Rubi Dalma [Rubi D'Alma] (contessa madre), Vittorio Caprioli (Pierrò), Paola Mori (Lisey), Carlo Mazzarella (Carletto), Novella Parigini, Mimo Billi, Malù Mascia, Pier Luigi Costantini, Luciano Dalla Pria, Gipsy Kiss, Rossana Montesi, Mitzi Roman, Neville De Nardo, Diana Robert, Yvonne Snyder, Emma Druetti, Bill Barker, Gabriella Cioli, Mary Perten, Mario Balice, Francisci
Fotografia/Photography: Enzo Serafin, Oberdan Trojani
Musica/Music: Valentino Bucchi
Costumi/Costume Design: Dina Di Bari
Scene/Scene Design: Saverio D'Eugenio
Montaggio/Editing: Mariano Arditi
Produzione/Production: PAC - Produzione Artistica Cinematografica
Distribuzione/Distribution: Atlantis Film
censura: 13987 del 28-03-1953
Altri titoli: Die Lust des Bösen
Trama: In un gruppo di giovani sfaccendati romani, tutti provenienti da famiglie abbienti, Massimo, una sorta di leader, si distingue per la sua esibita asocialità e amoralità, per la volontà di vivere la vita al di fuori da qualsiasi schema. Massimo è l'amante di Elena, che lo ama sinceramente, ma che il giovane tradisce. C'è Daniele, che Massimo ha spinto a compiere un crimine e che poi ha tradito provocando la sua incarcerazione. Daniele esce di prigione e gli chiede spiegazioni: Massimo, per rabbonirlo, lo mette in contatto con Lucia, la sua ex fidanzata, che però di Daniele non vuole saperne. Nel frattempo Elena si scopre incinta. Massimo cerca di cavarsela convincendo un suo discepolo, Sandro, a fingersi il padre del bambino e chiedere ai genitori il denaro per farla abortire. A causa delle sue angherie arriva per Massimo la resa dei conti: scoppia una violenta rissa in cui Sandro muore accidentalmente. Il giovane getta il suo cadavere dalla finestra, per far credere a un suicidio. Lucia, testimone, lo denuncia e lo fa arrestare.

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information