1795 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

Ci troviamo in galleria (1953)

Torna indietro

Ci troviamo in galleria (1953)



Regia/Director: Mauro Bolognini
Soggetto/Subject: Fede Arnaud, Alberto Liberati
Sceneggiatura/Screenplay: Stefano Vanzina [Steno], Alessandro Continenza, Lucio Fulci, Luigi Viganotti, Mauro Bolognini
Interpreti/Actors: Nilla Pizzi (Caterina), Carlo Dapporto (Ignazio Panizza, "Gardenio"), Sophia Loren (Marisa), Mario Carotenuto (comm. Tittoni), Gianni Cavalieri (Sep), Fiorenzo Fiorentini (Pippo), Carletto Sposito (Poppo), Gianni Agus (interprete pubblicitario redio), Giusi Raspani Dandolo (interprete pubblicitario radio), Maria Gloria Crociani (Agata), Lilli Granado (Pamela), Marta Marcelli (padrona della pensione), Franco Migliacci (Michel), Lino Robi (Mezzometro), Enio Girolami (spettatore intransigente), Mario Passante (padrone del teatrino), Wilma Aris (soubrettina), Janet Vidor (annunciatrice radiofonica), Franco Giacobini (funzionario Rai), Cino Tortorella (Catalani), Valerio Poggi, Franco Marturano, Alì (cane), Alberto Sordi (Mario Pio al telefono), Alberto Talegalli (Ciccio)
Fotografia/Photography: Marco Scarpelli
Musica/Music: Carlo Rustichelli
Costumi/Costume Design: Maria Cecchi Baroni
Montaggio/Editing: Mario Serandrei
Suono/Sound: Alberto Bartolomei
Produzione/Production: Athena Cinematografica, E.N.I.C. - Ente Nazionale Industrie Cinematografiche
Distribuzione/Distribution: Ente Nazionale Industrie Cinemat. ENIC
censura: 15324 del 31-10-1953
Trama: Ignazio Panizza, in arte Gardenio, è un attore di varietà che si guadagna da vivere dirigendo una compagnia di artisti girovaghi. Il loro spettacolo itinerante viene proposto un giorno in un piccolo paesino di montagna. Il pubblico li fischia senza pietà e chiama a gran voce sul palco Caterina, la cassiera di un bar del luogo, perché si esibisca cantando una canzone. Gardenio, riconoscendone il talento, la invita a unirsi alla sua compagnia e Caterina accetta. Dopo uno dei loro tanti spettacoli, Caterina viene avvicinata da un impresario che ha casualmente assistito alla sua esibizione e che le propone di firmare un contratto. La donna firma solo dopo essersi assicurata che il contratto comprenda anche la presenza di Gardenio, che poco tempo dopo la sposa. Mentre la carriera di cantante di Caterina vede una ascesa molto rapida, fino alla definitiva affermazione come star della radio, Gardenio si trova a svolgere degli incarichi molto umili. Stanco e deluso, abbandona moglie e occupazione per tornare a fare l'artista di varietà. Un giorno si trova inaspettatamente nella condizione di potersi esibire in un teatro a Roma dove ottiene l'ormai insperato successo. Gardenio scopre che una tale possibilità è merito dell'interessamento della moglie. La ringrazia pubblicamente e si riconcilia con lei.

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information