1405 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

Uno scandalo perbene (1984)

Torna indietro

Uno scandalo perbene (1984)



Regia/Director: Pasquale Festa Campanile
Soggetto/Subject: Suso Cecchi D'Amico
Sceneggiatura/Screenplay: Suso Cecchi D'Amico
Interpreti/Actors: Ben Gazzarra (smemorato), Giuliana De Sio (Giulia Canella), Valeria D'Obici (Camilla Ghidini), Vittorio Caprioli (Canella Renzo), Carlos de Carvalho (conte de Besi), Armando Bandini (Orlando Gastaldelli), Giuliana Calandra (Maria Gastaldelli), Franco Fabrizi (conte Guarienti), Vincenzo Crocitti (primo giornalista), Enzo Robutti (professore), Clara Colosimo (tenutaria), Paola Morra, Siria Betti, Filippo De Gara, Massimo Sarchielli, Graziella Polesinanti, Tom Felleghi, Mila Stanic, Erminia Massi, Marilena Prati, Duccio Duconi, Girolamo Marzano, Sergio Solli, Nazzareno Natale, Marilena Donati, Duccio Dugoni, Mario Farese, Dante Fioretti, Julian Jenkins, Ernesto Massi, Sergio Rossi, Massimo Sarchielli, Alessandro Serra, Mila Stanic, Sergio Tardioli
Fotografia/Photography: Alfio Contini
Musica/Music: Riz Ortolani
Costumi/Costume Design: Mario Carlini
Scene/Scene Design: Enrico Fiorentini
Montaggio/Editing: Antonio Siciliano
Suono/Sound: Amedeo Casati
Produzione/Production: Italian International Film, RAI-Radiotelevisione Italiana (Rete 2), Screen World
Distribuzione/Distribution: P.I.C. Produzione Intercontinentali Cinematografiche
censura: 80015 del 09-08-1984
Trama: In un manicomio sul Lago Maggiore i medici tentano di restituire la memoria ad uno sconosciuto che non ricorda nulla del suo passato. Da una fotografia pubblicata su un giornale la signora Canella riconosce nell'uomo senza nome il proprio marito, disperso durante la prima guerra mondiale. Anche gli altri membri della ricca famiglia riconoscono nello sconosciuto il loro congiunto. Ma sulla base di una denuncia anonima che lo indica come Bruneri, anarchico e truffatore, il presunto prof. Canella viene arrestato. Il processo è lungo e complicato dalle diverse testimonianze della moglie e dell'antica amante di Bruneri. Alla fine i giudici decidono che si tratta proprio del pregiudicato Bruneri e condannano l'uomo a due anni di prigione per vecchie truffe. La pena detentiva viene poi ridotta ad un anno. La signora Canella andrà ad attendere l'uomo di cui è innamorata all'uscita del carcere ed emigrerà con lui in Brasile, dove vivranno, insieme, il resto dei loro giorni.

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information