1726 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

Claretta (1984)

Torna indietro

Claretta (1984)



Regia/Director: Pasquale Squitieri
Soggetto/Subject: Pasquale Squitieri
Sceneggiatura/Screenplay: Pasquale Squitieri, Arrigo Petacco
Interpreti/Actors: Claudia Cardinale (Claretta Petacci), Giuliano Gemma (Marcello Petacci), Caterina Boratto (Giuseppina Petacci, la madre), Nancy Brilli (Miriam Petacci giovane), Catherine Spaak (Roberta, la giornalista), Philippe Lemaire (Saverio Petacci, il padre), Lorenzo Piani (Gasperini), Angela Goodwin (Luisa), Maria Mercader (principessa di Montenevoso), Raffaele Curi (ufficiale dei Carabinieri), Mario Granato (direttore del carcere), Miriam Petacci (se stessa), Fernando Briamo (Benito Mussolini), Luigi Contini, Salvatore Aiello, Enrico Maisto, Ubaldo Lo Presti, Francesco Ambrosoli, Benito Artesi, Nicola Boccarini, Roberto Bonanni, Luciana Cirenei, Pier Umberto Civaschi, Sacha Dark, Franco Fantasia, Stefano Gragnani, Helmut Hagen, Per Holger, Giulio Massimini, Ulisse Minervini, Luigi Montini, Anna Rosa Morri, Nguyen Duong Don, Alex Partexano [Alessandro Partexano], Silvia Pepoli, Gino Rey, Pepi Romagnoli, Massimo Sarchielli, Giovanni Tamberi, Vincenzo Torraca, Diego Verdegiglio, Victoria Zinny
Fotografia/Photography: Eugenio Bentivoglio
Musica/Music: Gerard Schurmann
Costumi/Costume Design: Ezio Altieri
Scene/Scene Design: Nicola Losito
Montaggio/Editing: Mauro Bonanni
Suono/Sound: Goffredo Salvatori
Produzione/Production: RAI-Radiotelevisione Italiana (Rete 2), Trans World Film - Produzione Distribuzione Cinematografica
Distribuzione/Distribution: United International Pictures
censura: 80049 del 13-09-1984
Altri titoli: La amante de Mussolini
Trama: Roberta, una giornalista televisiva, riceve l'incarico di preparare un film su Claretta Petacci, la donna che fu l'amante di Mussolini per anni e che, dopo la caduta del fascismo, venne fucilata insieme a lui nell'aprile del 1945. Roberta, per avere gli elementi necessari per ricostruire questo periodo di storia, si rivolge a Myriam Petacci, unica superstite della famiglia e testimone di quegli anni. Grazie al racconto di Myriam e al ritrovamento di alcuni eccezionali filmati, la giornalista riesce a ricostruire il ritratto di questa donna che, innamorata del mito-Mussolini, reagisce con coraggio agli avvenimenti che portarono alla sconfitta del fascismo, prendendo la suprema decisione di seguire fino alla fine l'uomo che ama. Attraverso gli avvenimenti che vedono protagonisti Claretta e la sua famiglia prende vita la storia della caduta del fascismo, dal 25 luglio del 1943, fino alla morte di Mussolini, avvenuta nel 1945. La fuga da Roma, il carcere a Novara ed infine Salò e gli incontri con Mussolini nel Vittoriale: durante questi ultimi tre anni Claretta compie coscientemente la sua scelta, di coerenza e fedeltà al suo uomo, ormai solo e sconfitto. Alla fine Roberta si ritrova con tanti appunti, idee in testa e tra le mani una storia d'amore che non sa più se e come raccontare.

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information