scheda
 1210 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

Grog (1982)

Torna indietro

Grog (1982)



Regia/Director: Francesco Laudadio
Soggetto/Subject: F. Laudadio
Sceneggiatura/Screenplay: Silvia Napolitano, Francesco Laudadio
Interpreti/Actors: Franco Nero (Nicola Fanelli), Franco Javarone (Pasquale), Gabriele Ferzetti (Alberto), Omero Antonutti (Enrico), Cristina S. Pascual (Lola), Eros Pagni (inviato della Tv Gold), Sandra Milo (Vittoria), Fiorenzo Fiorentini (ferito), Annabella Schiavone (cameriera), Christian De Sica (presentatore), Donatella Damiani (presentatrice), Claudio Cassinelli, Enzo Scotto Lavina, Piero Vida, Lunetta Salino, Renato Cecchetto, Graziano Giusti, Marina Confalone, Michele Mirabella, Mario Pino, Marcello Lo Russo, Renato Scarpa, Piero Vida, Marne Maitland, Carlo Demi, Alessandra Stordy, Antonella D'Orsi, Miranda Campa, Gian Filippo Carcano, Jorge Krimer, Fabrizio Corallo, Giovanni Morosi, Lidia Zanussi, Fabrizio Carbone
Fotografia/Photography: Giuseppe Maccari [Beppe Maccari]
Musica/Music: Paolo Conte, Jimmy Fontana, Italo Greco
Costumi/Costume Design: Nicoletta Ercole, Nicoletta Ercole
Scene/Scene Design: Romano Coppetta
Montaggio/Editing: Gino Bartolini
Suono/Sound: Massimo Loffredi
Produzione/Production: Film Coop, RAI-Radiotelevisione Italiana (Rete 2)
Distribuzione/Distribution: Riace Cinemat.
censura: 78085 del 14-09-1982
Trama: Nicola e Pasquale, evasi dal penitenziario durante una sommossa, si barricano in una villa di un quartiere residenziale prendendo per ostaggi tutti i componenti della famiglia. Acceso il televisore apprendono che il quartiere è circondato dalle forze dell'ordine. Terrorizzato Nicola telefona al direttore della TV, intimandogli, pena l'incolumità degli ostaggi, di annunciare che gli evasi ammazzeranno le persone che sono nelle loro mani se non sarà dato loro un aereo per fuggire. Il direttore si rifiuta ma propone a Nicola che sia lui stesso a lanciare il messaggio. Arriva così nella villa tutta la troupe della TV e allestisce una diretta dalla casa del sequestro. Ne nasce così un gigantesco spettacolo tragicomico che investe sequestrati, sequestratori, parenti, intermediari, poliziotti, giustizieri improvvisati e perfino una ditta di sponsor.

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information