1936 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

Sogni d'oro (1981)

Torna indietro

Sogni d'oro (1981)



Regia/Director: Nanni Moretti
Soggetto/Subject: Nanni Moretti
Sceneggiatura/Screenplay: Nanni Moretti
Interpreti/Actors: Nanni Moretti (Michele Apicella), Piera Degli Esposti (madre), Remo Remotti (Freud), Laura Morante (Silvia), Alessandro Haber (Gaetano), Gigio Morra (Gigio Cimino), Miranda Campa (mamma di Freud), Nicola Di Pinto (Nicola), Claudio Spadaro (Claudio), Tatti Sanguineti (aiuto regista di Michele), Enrico Antonelli (aiuto regista di Gigio), Mario Cipriani (pastore abruzzese), Alberto Abruzzese (funzionario Tv), Dario Cantarelli ("camaleonte" dei dibattiti), Sabina Vannuchi (figlia di Freud), Giampiero Mughini (presentatore Tv), Chiara Moretti (presentatrice Tv), Oreste Rotundo (bracciante lucano), Sara Di Nepi (casalinga di Treviso), Luigi Moretti (produttore), Mario Garriba, Giovanna De Luca, Livio Galassi, Cinzia Lais, Maria Cristina Nanni, Massimo Milazzo, Adriana Pecorelli (suora), Vincenzo Salemme, Mario Toschi Monaci, Conchita Airoldi, Fabrizio Beggiato (esercente), Claudio Ciocca, Marco Colli (barista), Mauro Fabretti, Amedeo Fago, Massimo Garzia (proiezionista), Carmelo Lombardo, Tommaso Vittorini (cinéfilo al bar)
Fotografia/Photography: Franco Di Giacomo
Musica/Music: Franco Piersanti
Costumi/Costume Design: Lia Francesca Morandini
Scene/Scene Design: Giovanni Sbarra
Montaggio/Editing: Roberto Perpignani
Suono/Sound: Franco Borni
Produzione/Production: Opera Film Produzione, RAI-Radiotelevisione Italiana
Distribuzione/Distribution: Gaumont, Paris
censura: 77041 del 05-09-1981
Altri titoli: Sogni d'oro
Trama: Ancora prima delle riprese del suo terzo film sono iniziate per Michele, un giovane regista, delle aspre critiche. Tutti sembra vogliano distruggere lui e il suo mito. Il suo sonno è pieno di incubi. Silvia che fugge da lui, Silvia che lo vuole abbandonare e lui che la insegue caparbiamente fino al brusco risveglio per poi ricominciare con il sonno e ancora incubi. Continua però spasmodicamente a lavorare al suo film ma si sente depresso, angosciato, ha la tristezza addosso, sopporta a fatica le battute spiritose, gli innamoramenti fra gli attori ed i tecnici che gli stanno intorno. Così di seguito si giungerà alla prima del suo film. Michele con uno sforzo sovrumano riesce ad andare incontro ai critici ed al pubblico. Tutti lo applaudono e lo sommergono quasi a sbranarlo. L'ennesimo incubo notturno, malgrado tutto, ancora lo sorprenderà al primo sonno.

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information