947 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

La banda del trucido (1977)

Torna indietro

La banda del trucido (1977)



Regia/Director: Stelvio Massi
Soggetto/Subject: Elisa Briganti
Sceneggiatura/Screenplay: Dardano Sacchetti, F. Briganti, Stelvio Massi
Interpreti/Actors: Luc Merenda (commissario Ghini), Elio Zamuto (Belli), Katia Christine (Carmen, fidanzata di Ghini), Franco Citti (Lanza), Tomas Milian (Sergio Maraschi, detto "Monnezza"), Corrado Solari (Chica, uomo di Monnezza), Imma Piro (Agnese Rinaldi), Aldo Barberito (giornalista), Francesco D'Adda (gioielliere ucciso), Marco Bonetti (giocatore flipper), Franco Balducci (Nino, il ricettatore), Salvatore Billa (Minone, il rapinatore), Massimo Vanni (Osvaldo Rinaldi, detto "Ranocchio"), Nicoletta Piersanti (Maria Ciacci), Fortunato Arena (tassista), Alessandra Cardini (Laura), Mimmo Poli (barista), Nello Pazzafini (complice di Lanza), Rosario Borelli, Mario Brega (questore Alberti), Stefano Raspi, Giuseppe Mischi
Fotografia/Photography: Franco Delli Colli
Musica/Music: Bruno Canfora
Costumi/Costume Design: Silvana Scandariato, Silvio Laurenzi
Scene/Scene Design: Carlo Leva
Montaggio/Editing: Mauro Bonanni
Suono/Sound: Roberto Petrozzi
Produzione/Production: Variety Film, Flora Film
Distribuzione/Distribution: Variety Film
censura: 70015 del 18-03-1977
Altri titoli: L'exécuter vous salue bien
Trama: Rapina ed omicidio in un appartamento di Roma. Ghini riesce a liberare gli ostaggi che i banditi avevano con loro. In un agguato muore Taddei, capo della polizia; si sospetta di Lanza, un pericoloso criminale. Nell'incessante ricerca di Lanza, Ghini si trova a contatto con un'altra banda "la banda del trucido" capeggiata da Monnezza. Di questa banda fa parte anche il Ranocchia ed un pericoloso gangster siciliano, Belli. In un infruttuoso tentativo ai danni di due gioiellieri, Belli ucciderà Ranocchia. Quando la polizia riuscirà ad acciuffare il Belli, ci sarà anche Monnezza con la sua banda. Egli, però ha un modo tutto suo di saldare i conti: ruba il bottino della rapina al Belli e scappa.

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information