1561 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

Gli amici di Nick Hezard (1976)

Torna indietro

Gli amici di Nick Hezard (1976)



Regia/Director: Fernando Di Leo
Soggetto/Subject: Alberto Silvestri
Sceneggiatura/Screenplay: Alberto Silvestri
Interpreti/Actors: Luc Merenda (Nick Hezard), Lee J. Cobb (Robert Clark), Luciana Paluzzi (borseggiatrice), Dagmar Lassander (Chantal l'entraineuse), Isabella Biagini (cameriera), Valentina Cortese (madre di Nick), William Berger (Rutmann), Gabriele Ferzetti, Fred Williams, Mario Pisu, Riccardo Salvino, Enzo Pulcrano, Jean Claude Verné, Rosario Borelli, Eduardo Fajeta [Eddy Fay], Flora Carosella, Sandro Scotti, Raul Lo Vecchio, Sergio Ammirata, Luigi D'Ecclesia, Fernando Cerulli, Giò Stajano, Franco Ressel, Carmelo Reale, Sergio Doria, Umberto Raho, Flavio Mingozzi
Fotografia/Photography: Roberto Gerardi
Musica/Music: Luis Enriquez Bacalov
Costumi/Costume Design: Giulia Mafai
Scene/Scene Design: Francesco Cuppini, Francesco Cuppini
Montaggio/Editing: Amedeo Giomini
Suono/Sound: Goffredo Salvatori
Produzione/Production: Centro Produzioni Cinematografiche Città di Milano
Distribuzione/Distribution: Interfilm
censura: 68303 del 14-04-1976
Trama: Nick Hezard, piccolo e ingegnoso truffatore, viene incastrato da Clark, grande boss della malavita, il quale, volendo tentare una colossale truffa ai danni dell'assicurazione, gli fa capitare in tasca una piccola parte dei propri gioielli e poi fa in modo che la polizia lo arresti. Questa è la prova dell'avvenuto furto dell'intera collezione: l'assicurazione paga. Ma Nick sfugge alla polizia e "vende" sulla parola a un ricettatore l'intera refurtiva. Clark tenta di far fuori Nick, ma riesce solo ad uccidere il suo amico Marc e il ricettatore, scatenando la furia vendicatrice di Nick. Questi spacciandosi per un industriale, spilla una forte somma a Clark, poi, dopo che questi ha incassato in assegni al portatore l'indennizzo dell'assicurazione, organizza una colossale e ingegnosa montatura a base di finti arresti, di finte prigioni, di finti poliziotti e di finte fughe in Venezuela. Morale: il piccolo truffatore mette clamorosamente nel sacco il grande boss.

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information