1725 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

L'Agnese va a morire (1976)

Torna indietro

L'Agnese va a morire (1976)



Regia/Director: Giuliano Montaldo
Soggetto/Subject: opera
Sceneggiatura/Screenplay: Giuliano Montaldo, Nicola Badalucco
Interpreti/Actors: Ingrid Thulin (Agnese), Stefano Satta Flores (il comandante), Michele Placido (Tom), Aurore Clément (Rina), Ninetto Davoli (la disperata), William Berger (Clinto), Dina Sassoli (Minghina), Massimo Girotti (Palita), Johnny Dorelli (Walter), Eleonora Giorgi (Vandina), Manfred Freyberger (maresciallo tedesco), Flavio Bucci (il pugliese), Gino Santercole (Piròn), Aldo Reggiani (il soldato sbandato), Otello Prati (Cencio), Gabriella Giorgelli (Lorenza), Laura Lenzi (Maria), Rosalino Cellamare [Ron] (Zero), Alfredo Pea (Tonitti), Bruno Zanin (figlio di Cencio), Pier Giovanni Anchisi (Toni), Mario Bardella (Magòn), Peter Boom (soldato tedesco), Antonio Piovanelli (guida), Agla Marsili (moglie di Walter), Paolo Viola (Mingùcc), Roger Worrod (ufficiale inglese), Otello Prati (Cencio), Sergio Serafini (partigiano), Giovanni Brusatori (Tarzan)
Fotografia/Photography: Giulio Albonico, Cristiano Pogany
Musica/Music: Ennio Morricone
Costumi/Costume Design: Gitt Magrini, Vittoria Guaita
Scene/Scene Design: Umberto Turco, Umberto Turco
Montaggio/Editing: Franco Fraticelli
Suono/Sound: Roberto Alberghini
Produzione/Production: Palamo Film
Distribuzione/Distribution: C.I.D.I.F.
censura: 69151 del 28-09-1976
Trama: Sul finire della seconda guerra mondiale, in una regione dell'Italia centrale ancora occupata dai nazisti. Agnese, donna umile e mite, si offre di sostituire il marito Palita, prelevato dai tedeschi, nel compito di tenere i collegamenti tra le varie formazioni partigiane. Si trova così, repentinamente, al centro di azioni di guerriglia e di morte che le erano del tutto estranee. Dapprima viene tollerata con fastidio, ma presto fa ricredere tutti: silenziosa, efficiente, prende spesso, senza parere, le redini delle situazioni intricate, conducendole a buon fine. L'ordine degli alleati di sospendere le operazioni nell'inverno mette in crisi il gruppo, al quale si sono aggregati anche dei soldati alleati. La repressione tedesca è sempre violenta e incalzante, e durante un trasferimento avviene un'autentica carneficina. Agnese, una dei pochi scampati, riceve l'ordine di trasferirsi altrove per riordinare le file dell'organizzazione. A un posto di blocco un ufficiale la insegue, la riconosce. Per Agnese è la fine.

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information