1067 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

Storie di vita e malavita (1975)

Torna indietro

Storie di vita e malavita (1975)



Regia/Director: Carlo Lizzani
Soggetto/Subject: Maria Rusconi
Sceneggiatura/Screenplay: Carlo Lizzani, Mino Giarda
Interpreti/Actors: Anna Curti (Antonietta Barni), Lidia Di Corato (Laura), Annarita Grapputo (Daniela), Danila Grassini (Albertina), Cinzia Mambretti (Rosina), Cristina Moranzoni (Gisella), Nicola Del Buono (Velluto), Susanna Fassetta (ragazza dell'autostop), Bianca Verdirosi (altra ragazza dell'autostop), Giuliana Rivera (madre di Gisella), Franca Mantelli (padrona della "casa"), Paola Fajola (madre di Daniela), Franca Aldrovandi (psicologa), Tiziana Conti, Sergio Masieri, Sandro Pizzocchero (Alberto), Enzo Fisichella (giudice), Mimmo Craig (capo dell'agenzia), Domenico Seren Gay, Nevio Maxie, Achille Grioni, Elisa Pozzi, Boris Stenka, Leda Celani, Mario Mercalli, Guido Tasso, Giancarlo Sala, Franco Pesante, Annibale Papetti, Pietro Vial
Fotografia/Photography: Lamberto Caimi
Musica/Music: Ennio Morricone
Costumi/Costume Design: Lia Morandini
Scene/Scene Design: Franco Fumagalli
Montaggio/Editing: Franco Fraticelli
Suono/Sound: Domenico Pasquadibisceglie
Produzione/Production: Thousand Cinematografica
Distribuzione/Distribution: Alpherat
censura: 66319 del 03-04-1975
Altri titoli: The Prostitution Racket, Strassenmädchen-Report
Trama: Seguiamo la vita di sei ragazze giovanissime, dal momento dell'iniziazione e del reclutamento nel mondo della prostituzione fino alla totale distruzione fisica e morale. Rosina, ragazza sarda in cerca di lavoro, viene rastrellata con una promessa di matrimonio e poi resa vittima di un'organizzazione spietata. Gisella, studentessa liceale, viene irretita da una compagna già esperta. Daniela, appartenente a una famiglia ricca, viene iniziata da un amico e diventa una "squillo" di alto bordo. Albertina violentata da un medico, resta come affascinata dalla violenza e va ripetendo con chiunque la sua esperienza iniziale. Antonietta, ragazza di paese, dopo aver subito la prepotenza del padre ed essere rimasta incinta, è avviata da un'amica lesbica allo squallido mestiere di prostituta. Laura, infine, lascia la famiglia perché il padre la disprezza e le impedisce di continuare gli studi. Entra nel "giro"; poi cerca di continuare da sola, ma per vendetta le uccidono il suo unico amico, un cane lupo. Stravolta, si getta dalla finestra e si uccide.

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information