1581 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

Peccati in famiglia (1975)

Torna indietro

Peccati in famiglia (1975)



Regia/Director: Bruno Gaburro
Soggetto/Subject: Bruno Gaburro
Sceneggiatura/Screenplay: Lianella Carell, Carlo Romano, Bruno Gaburro
Interpreti/Actors: Michele Placido (Milo), Renzo Montagnani (Carlo), Juliette Mayniel (Piera, sua moglie), Simonetta Stefanelli (Doris), Jenny Tamburri (Francesca), Rossella Pescatore (Findora), Gastone Pescucci (dottor Armando), Edy Williams, Corrado Olmi (prete), Laura De Marchi, Dino Curcio, Luciano Cappelli, Aldo Annigoni, Marisa Lista, Rosita Torosh, Lorenzo Piani
Fotografia/Photography: Aristide Massaccesi
Musica/Music: Guido De Angelis, Maurizio De Angelis
Costumi/Costume Design: Tony Randaccio
Scene/Scene Design: Ennio Michettoni
Montaggio/Editing: Vincenzo Tomassi
Suono/Sound: Domenico Dubbini
Produzione/Production: Flaminia Produzioni Cinematografiche
Distribuzione/Distribution: Fida Cinematografica
censura: 66068 del 18-02-1975
Altri titoli: Sommernächte... und alle Grillen lachen
Trama: Piacenza: una tipica città della provincia italiana, né piccola né grande, abbastanza opulenta, centro di attività commerciali e industriali. E, come molte città del medesimo tipo, luogo ideale per lo svolgimento di ambigue vicende familiari, di quelle che vengono nascoste sotto una facciata di rispettabilità. In una villa piacentina viene a trascorrere le vacanze estive una famiglia della buona borghesia. C'è una madre non più giovanissima ma ancora fascinosa e preda di oscure inquietudini proprie della sua età declinante, un padre preso dai suoi affari e piuttosto "comprensivo", una figlia giovanissima, avvenente e pruriginosa, una governante anch'essa giovane. In mezzo a questa famiglia capita Milo, nipote dei due coniugi e cugino della ragazza. E' giovane, simpatico, ambizioso, ambiguo. S'introduce nella famiglia e a poco a poco s'insinua più profondamente nella vita dei suoi componenti. Uno per uno, tutti cedono al suo fascino malefico. E alla fine egli si troverà padrone delle coscienze di tutti e, più ancora, della casa, della fabbrica e delle ricchezze dello zio.

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information