1496 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

L'esorciccio (1975)

Torna indietro

L'esorciccio (1975)



Regia/Director: Ciccio Ingrassia
Soggetto/Subject: Ciccio Ingrassia
Sceneggiatura/Screenplay: Marino Onorati
Interpreti/Actors: Ciccio Ingrassia (Esorciccio), Lino Banfi (Pasquale Abbate, il sindaco), Didi Perego (Annunziata, moglie del sindaco), Ubaldo Lay (tenente di polizia), Gaetano Cimarosa [Tano Cimarosa] (Turi Randazzo), Barbara Nascimben (Barbara Abbate, la figlia), Romano Sebenello ("Satanetto"), Mimmo Baldi (Luigi Abbate, il figlio), Luigi Bonos [Gigi Bonos] (dr. Snausen), Dante Cleri (Luigi, il barbiere), Renato Malavasi (monsignor Evaristo), Franca Haas (Margherita, la servetta), Ada Pometti, Ugo Bonardi, Vittorio Fanfoni, Lorenzo Piani (Armando, il pianista), Antonio Di Natale, Origene Luigi Soffrano [Jimmy il Fenomano], Salvatore Baccaro ("madre" di Satanetto)
Fotografia/Photography: Guglielmo Mancori
Musica/Music: Franco Godi
Costumi/Costume Design: Giorgio Postiglione
Scene/Scene Design: Giorgio Postiglione
Montaggio/Editing: Rosetta Narducci
Suono/Sound: Massimo Iaboni
Produzione/Production: Ingra Cinematografica
Distribuzione/Distribution: Dear International Film
censura: 66069 del 13-02-1975
Trama: Un amuleto caprino trovato dall'operaio Ciccio in Iran arriva misteriosamente in un paesino italiano, e capita tra le mani di Luigino, figlio decenne del sindaco. L'amuleto stimola un'incredibile precocità del ragazzo, che viene accusato d'insidiare una dozzina di paesanotte. La cosa viene sfruttata elettoralmente da Turi Randazzo, avversario politico del sindaco; il quale si vede costretto a fare intervenire l'Esorciccio. Tra l'allampanato guaritore e l'indemoniato ragazzino s'ingaggia una lotta alterna; ma poiché l'amuleto passa di mano in mano ecco che di volta in volta son molte le persone a comportarsi in modo strano e ad apparire indemoniate. Una collegiale s'improvvisa "soubrette" di varietà; una distinta signora si fa crescere la barba e va a trovare clandestinamente il barbiere travestita da frate; lo stesso sindaco si trova ad un certo momento a vedersela col diabolico amuleto. La soluzione dell'intrigo sarà naturalmente affidata all'Esorciccio: ma nel modo più impensato e bislacco.

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information