1610 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

Tutto a posto e niente in ordine (1974)

Torna indietro

Tutto a posto e niente in ordine (1974)



Regia/Director: Lina Wertmüller
Soggetto/Subject: Lina Wertmüller
Sceneggiatura/Screenplay: Lina Wertmüller
Interpreti/Actors: Luigi Diberti (Gigi), Lina Polito (Mariuccia), Nino Bignamini (Carletto), Sara Rapisarda (Adelina), Isa Danieli (Carmela, detta "Isotta"), Giuliana Calandra (Biki), Eros Pagni (Bagonghi, capo dei ladri), Claudio Volonté (Bruno, il cuoco), Maria Sciacca, Loredana Martinez (Rosa), Renato Rotondo (Sante), Maria Teresa Albani, Maria Cumani Quasimodo (proprietaria ristorante), Alessandro Quasimodo (suo figlio), Cesare Gelli (cuoco in barca), Aldo Puglisi (altro cuoco), Luigi Zita, Renata Zamengo, Emilio Salvatore, Giovanna Petocchi, Bianca Rosa Scerrino, Ugo Maria Morosi, Alessandra Dal Sasso, Giuseppe Manxari, Aldo Miranda, Aldo Bergamaschi, Paola Maiolini, Luis Garcia Suarez, Anna Melita, Gerardo Scala, Viviana Pezzani, Cinzia Andrei, Maria Capparelli, Vittorio Caronia, Giancarlo Palermo, Gabriele Bentivoglio, Ermes Scaramuzza, Paolo Cappelli, Gaetano Tomaselli, Carla Mancini, Lorenzo Piani
Fotografia/Photography: Giuseppe Rotunno
Musica/Music: Piero Piccioni
Costumi/Costume Design: Benito Persico, Loriana Saligeri
Scene/Scene Design: Gianni Quaranta
Montaggio/Editing: Franco Fraticelli
Suono/Sound: Mario Bramonti
Produzione/Production: Euro International Films
Distribuzione/Distribution: Euro International Films
censura: 64069 del 20-02-1974
Altri titoli: All Screwed Up, All in Place, Nothing in Order, Operation gelungen - Patient tot
Trama: Un gruppo di giovani immigrati in una megalopoli dai contorni duri e violenti - la Milano degli anni '70 - , cercano l'inserimento con l'entusiasmo e l'ostinazione di chi ha poco o nulla da perdere ed è abbagliato dalle sollecitazioni della società dei consumi. Gigi e Carletto sono arrivati insieme dalla campagna. Dopo varie esperienze fallimentari in un mondo di sottoccupazioni occasionali, Carletto riesce ad inserirsi. Conosce una ragazza meridionale e vorrebbe sposarla. Ma, a conti fatti, il matrimonio è antieconomico, e decidono di aspettare: vivranno assieme ad altri giovani in un grosso appartamento dormitorio. Gigi preferisce invece la strada più rischiosa della malavita, e si unisce a un gruppetto di ladri di appartamenti. Sante, siciliano ostinato e sentimentale, fallisce ogni tentativo d'inserimento e alla fine si ritroverà con la sua donna e otto figli da sfamare, disilluso di tutte le soluzioni che la civiltà gli propone. Anche per Isotta le cose andranno male. Prostituta di strada, finirà uccisa, senza un'apparente ragione.

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information