2027 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

Flavia, la monaca musulmana (1974)

Torna indietro

Flavia, la monaca musulmana (1974)



Regia/Director: Gianfranco Mingozzi
Soggetto/Subject: Sergio Tau, Raniero Di Giovanbattista, Francesco Vietri
Sceneggiatura/Screenplay: Gianfranco Mingozzi, Fabrizio Onofri, Sergio Tau, Bruno Di Geronimo
Interpreti/Actors: Florinda Bolkan (Flavia Gaetani), Maria Casarès (suor Agata), Claudio Cassinelli (Abraham), Anthony Corlan (Ahmed), Spiros Focas (Ser Riccardo, il duca francese), Diego Michelotti (padre di Flavia), Rajka Juri (tarantolata), Jill Pratt, Franca Gray, Laura De Marchi (suor Lilia), Giuseppe Pertile (vescovo), Valentino Macchi (monaco impalato), Guido Celano (uomo che prepara il decotto), Edoardo Filippone, Ciro Ippolito, Stefano Trabalza, Agnès Marie Nobecourt, Maria Teresa Poggi, Jole Silvani, Carla Mancini, Luigi Antonio Guerra
Fotografia/Photography: Alfio Contini
Musica/Music: Nicola Piovani
Montaggio/Editing: Ruggero Mastroianni
Suono/Sound: Benedetto Conversi
Produzione/Production: P.A.C. - Produzioni Atlas Consorziate, Cinéphonic, Paris, R.O.C., Paris
Distribuzione/Distribution: P.A.C.
censura: 64194 del 27-03-1974
Altri titoli: Flavia, la défroquée, Castigata - Die Gezüchtigte
Trama: 1400. Durante una delle tante incursioni saracene sulle coste italiane, la piccola Flavia assiste alla decapitazione di un giovane cavaliere turco che poco prima le aveva salvato la vita. Alcuni anni prima Flavia entra in convento, seguita, per volere del padre, dal giovane ebreo Abraham, come segretario e uomo di fiducia. Gli orrori del mondo, visibili anche in convento, induriscono Flavia e la inducono a proclamare la superiorità delle donne sugli uomini, spesso vili e imbelli. La monaca si allea con Achmet, un capo saraceno, gli concede il suo amore e ottiene da lui il possesso della contrada. In seguito ella conduce i saraceni, attraverso un passaggio segreto, nell'interno di una cittadella assediata. Ne segue un massacro, durante il quale Abraham viene ucciso e Flavia perde i sensi. Al risveglio si ritrova sola, sulla spiaggia deserta. I saraceni sono scomparsi e Flavia, catturata da armati cristiani, si avvia, vestita della bianca tunica e con la croce che le pende sul petto, verso il colle della morte dove l'aspetta il supplizio, ormai insensibile a tutto quello che la circonda.

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information