1565 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

Il Bianco il Giallo il Nero (1974)

Torna indietro

Il Bianco il Giallo il Nero (1974)



Regia/Director: Sergio Corbucci
Soggetto/Subject: Antonio Troisio, Marcello Coscia
Sceneggiatura/Screenplay: Mario Amendola, Sergio Corbucci, Santiago Moncada, Renée Asseo
Interpreti/Actors: Giuliano Gemma (bandito Blanc de Blanc detto lo Svizzero), Tomas Milian (Sakura il giapponese), Eli Wallach (Edward James Gideon sceriffo"Black Jack"), Manuel De Blas, Jacques Berthier (Butler, il barbiere), Romano Puppo, Nazzareno Zamperla, Edoardo Biagetti [Edy Biagetti], Ideo Saito (Yamoto, il samurai), Frank Nuyen (console giapponese), Lorenzo Robledo (colonnello), Giovanni Petti, Carla Mancini, Franco Tocci, Chris Huerta (Robinson grasso), Rafael Albaicín, Lorenzo Piani, Tito García, Mirta Miller, Giovanni Petrucci
Fotografia/Photography: Luis Cuadrado
Musica/Music: Guido De Angelis, Maurizio De Angelis
Costumi/Costume Design: Silvio Laurenzi
Scene/Scene Design: Piero Filippone [Pietro Filippone]
Montaggio/Editing: Eugenio Alabiso
Suono/Sound: Pietro Spadoni, Alfredo Polo
Produzione/Production: Tritone Cinematografica, Filmel, Paris, Mundial Film, Madrid
Distribuzione/Distribution: C.I.D.I.F.
censura: 65722 del 19-12-1974
Altri titoli: El blanco, el amarillo, el negro, Le blanc, le jaune et le noir, Stetson - Drei Halunken erster Klasse, Blanco, el amarillo y el negro
Trama: Il "bianco", il "giallo" e il "nero" sono, ognuno nel proprio genere, tre personaggi originali. Il bianco è uno scanzonato fuorilegge d'origine europea che scorazza per il west combinandone di cotte e di crude a tutti gli sceriffi; compreso il più tenace di essi, soprannominato, per la sua inflessibilità, il nero. Il giallo invece è un giapponese aspirante samurai. Gli interessi che uniscono il terzetto sono diversi e spesso opposti: il bianco va a caccia di un milione di dollari, il nero si adopera affinché il denaro finisca nelle mani giuste, il giallo si dà da fare per realizzare il suo sogno di diventare ufficialmente samurai. Tutti e tre, volenti o nolenti, si trovano invischiati in un ginepraio di guai che di volta in volta li costringono a solidalizzare ovvero a contrastarsi vicendevolmente in un continuo susseguirsi di avventure, di colpi di scena, di tranelli, di imboscate, affrontati e superati con l'astuzia e l'abilità con la quale sanno fare uso delle mani e dei piedi. Al termine di tante emozionanti ed allegre vicissitudini ognuno dei tre riprende la propria strada.

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information