1495 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

Il bestione (1974)

Torna indietro

Il bestione (1974)



Regia/Director: Sergio Corbucci
Soggetto/Subject: Luciano Vincenzoni, Sergio Donati
Sceneggiatura/Screenplay: Luciano Vincenzoni, Sergio Donati
Interpreti/Actors: Giancarlo Giannini (Nino Patrovita), Michel Constantin (Sandro Colautti), Giuliana Calandra (Amalia, la vedova), Giuseppe Maffioli (Supershell), Gabriella Giorgelli (Zoe), Jole Fierro (ex moglie di Sandro Colautti), Enzo Fiermonte (Matteo Sacchi), Carlo Gaddi ("Pacco di 70 chili"), Philippe Hersent (proprietario autotrasporti C.I.S.A.), Giorgio Trestini (autista ferrarese), Dalila Di Lazzaro (Magda), Attilio Duse, Anna Mazzamauro (Elena), Imma Piro, Franco Angrisano (spedizioniere)
Fotografia/Photography: Giuseppe Rotunno
Musica/Music: Guido De Angelis, Maurizio De Angelis
Costumi/Costume Design: Osanna Guardini
Scene/Scene Design: Giacinto Burchiellaro
Montaggio/Editing: Eugenio Alabiso
Suono/Sound: Carlo Palmieri
Produzione/Production: Compagnia Cinematografica Champion, P.E.C.F., Paris
Distribuzione/Distribution: P.I.C. Produzione Intercontinentali Cinematografiche
censura: 64790 del 01-07-1974
Altri titoli: Deux grandes gueules, Die Cleveren Zwei
Trama: Da anni Sandro conduce il suo "bestione" per le strade d'Europa. Un giorno gli viene assegnato un nuovo compagno di guida: Nino, un giovane ed irruento siciliano, ancora inesperto della dura e spietata vita del camionista. Dopo qualche contrasto nasce tra i due una profonda amicizia. Sandro, benché abbia tre figli, è separato dalla moglie. Nino invece è scapolo e se la fa con una ricca e belloccia vedova, Amalia, che lo interessa soprattutto perché potrebbe finanziargli l'acquisto di un camion per mettersi in proprio. Ma la gelosa Amalia, scoperto Nino in tenero atteggiamento con una biondina, gli fa una scenata e lo abbandona. Addio bestione. Nino non si arrende, e convince Sandro a impegnare i suoi risparmi: comprano un grosso camion e mettono su una piccola azienda di trasporti. Purtroppo però sorgono ben presto molti problemi imprevisti, tra cui perfino la mafia dei trasporti. Sandro e Nino non cedono alle minacce e ai ricatti e, grazie al loro spirito d'iniziativa e d'improvvisazione, riescono a superare tutte le difficoltà.

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information