1099 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

Alla mia cara mamma nel giorno del suo compleanno (1974)

Torna indietro

Alla mia cara mamma nel giorno del suo compleanno (1974)



Regia/Director: Luciano Salce
Soggetto/Subject: Massimo Franciosa, Sergio Corbucci, Luciano Salce, opera
Sceneggiatura/Screenplay: Massimo Franciosa, Sergio Corbucci, Luciano Salce, Rafael Azcona, Luis Berlanga
Interpreti/Actors: Paolo Villaggio (conte Federico detto Didino), Lila Kedrova (contessa Mafalda, madre di Didino), Eleonora Giorgi (Angela), Antonino Faà Di Bruno (zio Alberto), Orchidea De Santis (Jolanda, la sposa), Renato Chiantoni (Anchise, cameriere), Guido Cerniglia (amico di Federico), Enzo Spitaleri (Fernando, lo sposo), Carmine Ferrara, Vera Drudi (Driade, domestica), Carla Mancini, Origene Luigi Soffrano [Jimmy il fenomeno], Vittorio Fanfoni
Fotografia/Photography: Erico Menczer
Musica/Music: Franco Micalizzi
Costumi/Costume Design: Fiorenzo Senese
Scene/Scene Design: Fiorenzo Senese
Montaggio/Editing: Amedeo Salfa
Suono/Sound: Mario Dallimonti
Produzione/Production: Rusconi Film
Distribuzione/Distribution: Cinema International Corporation
censura: 65030 del 22-08-1974
Trama: Vedova, cinquantacinquenne, sola con un figlio pressoché trentenne, la protagonista di questa storia è una donna affetta da una malattia tipicamente italiana: il mammismo. Un bambino esasperato e inguaribile, che coinvolge il giovanotto, lo avvolge nelle sue spire sinuose, lo soffoca e lo distrugge. Il poverino non soltanto è costretto a subire la sordida avarizia della madre, ma anche le sue violenze psicologiche: un autentico succube della prepotente personalità della donna. La situazione precipita in dramma il giorno in cui il giovanotto s'innamora. La fanciulla del suo cuore è una ragazzotta di campagna, timida e dolce; è anche affetta da una lieve malformazione fisica. La madre assiste con terrore al nascere di questo amore e intuisce il pericolo di perdere l'unica persona sulla quale riesce ad esercitare la sua nefasta influenza. E allora, dopo aver tentato invano, ricorre al mezzo più drastico e definitivo: lo uccide, affogandolo in uno bagno di schiuma.

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information