614 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

Hitler: the Last Ten Days [Gli ultimi dieci giorni di Hitler] (1973)

Torna indietro

Hitler: the Last Ten Days [Gli ultimi dieci giorni di Hitler] (1973)



Regia/Director: Ennio De Concini
Sceneggiatura/Screenplay: Ennio De Concini, Maria Pia Fusco, Wolfgang Reinbardt
Interpreti/Actors: Alec Guinness (Hitler), Simon Ward (cap. Hoffmann), Adolfo Celi (gen. Crebs), Diana Cilento (Hanna Reitsch), Eric Poerter (gen. Von Greim), Doris Kunstmann (Eva Braun), Gabriele Ferzetti (feldmar. Keltel), Joss Ackland (gen. Burgdor), John Barron (Stumpfegger), John Bennet (Goebbels), Barbara Jefford (Magda Goebbels), Sheila Gish (signora Christian), Julian Glover (Fegelein), Michael Goodliffe (gen. Eidling), Mark Kingston (Martin Borman), Philip Stone (gen. Jodl)
Fotografia/Photography: Ennio Guarnieri
Musica/Music: Mischa Spoliansky
Costumi/Costume Design: Sonia Quemell
Scene/Scene Design: Roy Walker
Montaggio/Editing: Kevin Connor
Produzione/Production: West, Wolfgang Reinhardt Productions, London, Petra Film, London
Distribuzione/Distribution: Metro Goldwyn Mayer
censura: 62945 del 28-08-1973
Altri titoli: Gli ultimi dieci giorni di Hitler, Les derniers jours d'Hitler, The Last Ten Days, Les dix derniers jours d'Hitler, Hitler - Die letzten zehn Tage
Trama: Il 20 aprile 1945 Adolfo Hitler celebra il suo 56° compleanno nel bunker costruito sotto la distrutta città di Berlino. Gli sono accanto i collaboratori più stretti, da Bormann a Goebbels, da Keitel a Krebs a Jodl. C'è anche Eva Braun, con la quale il Fuhrer intende celebrare le nozze nei prossimi giorni. La situazione è disperata. Alleati e sovietici avanzano su Berlino, l'esercito è in dissoluzione, gli stessi generali consigliano la resa. Il dittatore non sente ragioni: qualifica tutti i codardi e traditori, destituisce gli assenti Goering e Himmler, proclama istericamente la difesa a oltranza... Il 29 aprile Hitler e Eva Braun si sposano. Dopo di che Hitler dà a ogni invitato una sua fotografia e due capsule di cianuro. Poi si isola con Eva. Dall'esterno della stanza si ode uno sparo. Goebbels si precipita dentro, e poi annuncia: "Il cuore della Germania ha cessato di battere". Dopo un breve silenzio, qualcuno accende una sigaretta, imitato dagli altri. Una densa nebbia grigia oscura la scena dove si è svolto l'ultimo atto del dramma nazista.

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information