945 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

La Tosca (1973)

Torna indietro

La Tosca (1973)



Regia/Director: Luigi Magni
Soggetto/Subject: Luigi Magni, opera
Sceneggiatura/Screenplay: Luigi Magni
Interpreti/Actors: Monica Vitti (Floria Tosca), Vittorio Gassman (barone Scarpia), Luigi Proietti (Mario Cavaradossi), Umberto Orsini (Cesare Angelotti), Fiorenzo Fiorentini (Spoletta, brigadiere al servizio di Scarpia), Gianni Bonagura (Sciarrone, altro brigadiere al servizio di Scarpia), Aldo Fabrizi (governatore), Ninetto Davoli (tenete esercito papalino), Marisa Fabbri (regina di Napoli), Goffredo Pistoni (sagrestano), Alvaro Vitali (derelitto), Gino Rocchetti (popolano nell'alba), Franca Sciutto, Lorenzo Piani
Fotografia/Photography: Franco Di Giacomo
Musica/Music: Armando Trovajoli
Costumi/Costume Design: Lucia Mirisola
Scene/Scene Design: Lucia Mirisola
Montaggio/Editing: Ruggero Mastroianni
Suono/Sound: Sandro Borni
Produzione/Production: Quasars Film Company, UTI Produzioni Associate
Distribuzione/Distribution: Titanus
censura: 62113 del 22-03-1973
Altri titoli: Une Tosca pas comme les autres
Trama: Roma, 1800. Il pittore Mario Cavaradossi è un giacobino libertario, ma non disdegna le grazie appassionate della reazionaria Tosca, bellissima, famosissima e gelosissima cantante. Arriva folgorante la notizia che Bonaparte è stato sconfitto a Marengo. Scarpia, capo della polizia, rende più pesante la repressione contro i giacobini e la caccia al rivoluzionario Angelotti, fuggiasco da Castel Sant'Angelo e nascosto da Cavaradossi in una villa sull'Appia. Facendo leva sulla gelosia di Tosca, Scarpia scova il nascondiglio di Angelotti, il quale si uccide. Cavaradossi arrestato, dovrà pagare con la vita l'aiuto dato al fuggiasco. Ed ecco Tosca implorare Scarpia e dichiararsi disposta a concedersi a lui in cambio della vita dell'amato. Scarpia accetta e promette che l'esecuzione del pittore sarà simulata. Appena Scarpia ha dato gli ordini in questo senso, Tosca lo uccide e corre felice dal suo Mario per avvisarlo che la vita è salva. Basterà fingersi morto, e poi la fuga assicurata da un salvacondotto. Ma Scarpia ha compiuto anche da morto la sua ultima viltà: Cavaradossi verrà fucilato davvero. Disperata, Tosca si precipita dagli spalti di Castel Sant'Angelo.

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information