1088 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

Senza ragione (1973)

Torna indietro

Senza ragione (1973)



Regia/Director: Silvio Narizzano
Soggetto/Subject: Rafael Sanchez Campoy
Sceneggiatura/Screenplay: Win Wells, Masolino D'Amico
Interpreti/Actors: Franco Nero (Dino Bianco detto "Mosquito"), Telly Savalas (Memphis, detto "l'Americano"), Mark Lester (Lennox Duncan), Ely Galleani (Maria), Duilio Del Prete (capitano Lenzi), Maria Michi (principessa), Beatrice Clary (Margaret Duncan), Bruno Boschetti (ufficiale dei carabinieri), Aldo De Carellis (Riccardo), Tom Duggan (Anthony Duncan), Giuseppe Mattei [Pino Mattei] (gioiellere), Mario Montgomery
Fotografia/Photography: Giorgio Tonti
Musica/Music: Maurizio Catalano, John Cacavas
Scene/Scene Design: Arrigo Equini, Arrigo Equini
Montaggio/Editing: Thom Noble, Thomas Noble [Tom Noble]
Produzione/Production: Compagnia Internazionale Alessandra Cinematografica (C.I.A.C, Sterle, London
Distribuzione/Distribution: Euro International Films
censura: 61798 del 25-01-1973
Altri titoli: Redneck, Redneck, Le salopard, O crocodico, Squadra volante uccideteli... senza ragione
Trama: Due fuorilegge - Memphis, uno psicopatico drogato, e il vile Moschito - fuggono verso la frontiera dopo una cruenta rapina a un gioielliere. Con loro è la bella Maria, succube di Moschito. Rubano una macchina, e quando si accorgono che dentro c'è un ragazzo tredicenne, lo tengono come ostaggio. Ormai la loro è una fuga disperata e costellata di feroci delitti: quando Memphis si scatena, incontrollabilmente, è solo sangue e rovina. Muore così Maria, che aveva tentato di fuggire; muore un'intera famiglia tedesca, la cui "roulotte" vien fatta precipitare in un lago. Invano Lennox, il ragazzo, e Moschito sfuggono al mostro scatenato, rifugiandosi in una villa: Memphis li riprende e, proprio alla frontiera, ammazza Moschito e ferisce Lennox, prima di essere a sua volta freddato dai carabinieri. Il ragazzo, urlando, si siede sulla neve, accanto al cadavere di Moschito: tiene la rivoltella con le due mani, spara in aria, singhiozza e canta con voce rotta. Così, quasi privo di ragione, lo trovano i carabinieri.

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information