2798 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

Rugantino (1973)

Torna indietro

Rugantino (1973)



Regia/Director: Pasquale Festa Campanile
Soggetto/Subject: Pasquale Festa Campanile, Massimo Franciosa, Pietro Garinei, Alessandro Giovannini
Sceneggiatura/Screenplay: Pasquale Festa Campanile, Massimo Franciosa
Interpreti/Actors: Adriano Celentano (Rugantino), Claudia Mori (Rosetta), Paolo Stoppa (mastro Titta, il boia), Renzo Palmer (cardinale Severini), Pippo Franco (Frascatano, amico di Rugantino), Toni Ucci (principe Nicolò Capitelli), Grazia Maria Spina (donna Mirta Capitelli), Riccardo Garrone (principe), Renato Baldini (amico del principe), Anna Maria Bottini (amica del principe), Patrizia Gori (dama), Sergio Tofano (marchese Michele Sacconi), Guglielmo Spoletini (Gnecco il matriciano), Sandro Merli, Gastone Pescucci (Scariotto), Giacomo Piperno (amico di Rugantino), Ernesto Colli (altro amico di Rugantino), Elio Pandolfi (voce bianca), Enzo Robutti (scultore), Bruno Tocci (carabiniere), Guido Lollobrigida, Roberto Maldera, Francesco D'Adda, Paola Montenero, Luigi Basagaluppi, Stefano Oppedisano, Lorenzo Piani
Fotografia/Photography: Gastone Di Giovanni
Musica/Music: Armando Trovajoli
Costumi/Costume Design: Franco Carretti
Scene/Scene Design: Giancarlo Bartolini Salimbeni
Montaggio/Editing: Mario Morra
Produzione/Production: Filmes (1972)
Distribuzione/Distribution: Titanus
censura: 63351 del 18-10-1973
Trama: 1830. A quindici anni dalla caduta di Napoleone, di tutte le conquiste della rivoluzione francese, arrivate anche a Roma, una sola è rimasta: la ghigliottina. Rugantino è un giovanotto romano, che fin da piccolo ha vissuto di espedienti. E' conosciuto in tutta Roma per la sua arroganza e il suo continuo affannarsi a conquistare donne, più per piacere di vantarsi con gli amici che per la gioia della conquista. Ma la giustizia lo tiene d'occhio. E un bel giorno Rugantino viene messo alla berlina per tentata truffa: ha cercato di gabellare per sua sorella una certa Eusebia, sua vecchia amante. Contemporaneamente, però, ha scommesso che riuscirà a conquistare la bella Rosetta, modella dello scultore Thorwaldsen e moglie di Gnecco il matriciano. Alla fine Rugantino, dopo aver incontrato sul suo cammino una coppia di nobili e un Cardinale Vicario, troverà la sua redenzione nell'amore di Rosetta, allorché il destino lo porrà di fronte alla prova suprema, che egli affronterà da quel "rugante" che è sempre stato per dimostrare a se stesso e agli altri che un romano indietreggia di fronte a nulla pur di apparire quel che per tutta la vita ha sognato di essere.

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information