scheda
 1355 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

Un modo di essere donna (1973)

Torna indietro

Un modo di essere donna (1973)



Regia/Director: Pier Ludovico Pavoni
Soggetto/Subject: Fulvio Gicca Palli
Sceneggiatura/Screenplay: Fulvio Gicca Palli, Pier Ludovico Pavoni, Mario Di Nardo
Interpreti/Actors: Marisa Berenson (Sibilla), Stefania Casini (Francesca), Venantino Venantini (Simone), Riccardo Salvino (Fabrizio), Fabrizio Moroni (Jacopo), Raymond Lovelock (Vasco, hippy amante di Francesca), Andrea Manni (Mike, figlio di Francesca e Jacopo)
Fotografia/Photography: Roberto Gerardi
Musica/Music: Piero Piccioni
Costumi/Costume Design: Nadia Vitali
Scene/Scene Design: Nadia Vitali
Montaggio/Editing: Franco Fraticelli
Suono/Sound: Fernando Pescetelli
Produzione/Production: Aquila Cinematografica (1971), Grandi Produzioni Italiane (G.P.I.), I.F.C. - International Film Company
Distribuzione/Distribution: Metro Goldwyn Mayer
censura: 63182 del 11-10-1973
Trama: Francesca e Sibilla sono due giovani studentesse molto amiche tra loro. Francesca è una bellezza normale, non vistosa; Sibilla invece è sprezzante, aggressiva. Le due donne parlano spesso insieme delle loro esperienze e dei loro amori, ma hanno punti di vista opposti. Sibilla è disgustata da un giovane prestante che va con lei, ma che ha il torto di classificarla tra le donne facili. Anche Francesca ha rapporti con gli uomini, ma in modo diverso: ella considera il matrimonio una meta sicura. Infatti riesce a diventare una moglie, a sposarsi due volte, ad avere dei bambini ed un amante. E' integrata. Sibilla disapprova il comportamento dell'amica. Vede il maschio come uno sfruttatore, un essere di cui si può fare a meno. Lei vive con Fabrizio, ma non vuol saperne più: vuol essere completamente libera. Per meglio affermare i suoi principi partecipa ai movimenti femministi e scrive un libro sull'argomento: nelle sue convinzioni appare irriducibile. Solo dopo essere stata da un medico per interrompere una maternità ha un improvviso cedimento, stanca di lottare in una società diversa da come lei la intende. Conclude che "è difficile essere donna".

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information