1488 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

La grande bouffe [La grande abbuffata] (1973)

Torna indietro

La grande bouffe [La grande abbuffata] (1973)



Regia/Director: Marco Ferreri
Soggetto/Subject: Marco Ferreri, Rafael Azcona
Sceneggiatura/Screenplay: Marco Ferreri, Rafael Azcona
Interpreti/Actors: Marcello Mastroianni (Marcello), Ugo Tognazzi (Ugo Baldazzi), Michel Piccoli (Michel), Philippe Noiret (Philippe), Andréa Ferréol (Andréa), Monique Chaumette (Madelaine), Florence Giorgetti (Anne), Rita Scherrer (Anulka), Solange Blondeau (Danielle), Michèle Alexandre (Nicole), Cordelia Piccoli (Barbara), James Campbell (Zac), Henri Piccoli (Hector), Bernard Menez (Pierre), Patricia Milochevitch (Mini), Louis Navarre (Braguti), Mario Vulpiani (copilota), Gérard Boucaron (autista), Giuseppe Maffioli (chef), Margaret Heneywell (hostess), Annette Carducci (hostess), Eva Simonnet (segretaria), Maurice Dorléac, Bernard Prin
Fotografia/Photography: Mario Vulpiani
Musica/Music: Philippe Sarde
Costumi/Costume Design: Gitt Magrini
Scene/Scene Design: Michel de Broin, Michel De Broin
Montaggio/Editing: Claudine Merlin
Suono/Sound: Jean Pierre Ruh
Produzione/Production: Capitolina Produzioni Cinematografiche, Mara Films, Paris
Distribuzione/Distribution: Fida Cinematografica
censura: 63098 del 12-09-1973
Altri titoli: La grande abbuffata, Blow-Out, La Grande bouffe, The Big Feast, The Great Feed, Das Grosse Fressen, A nagy zabálás, La grande bouffe
Trama: Quattro amici si riuniscono in una villa della periferia parigina per una pantagruelica "mangiata". Sono Ugo, un cuoco di origine italiana, Michel, presentatore della TV, Marcello, pilota civile, Philippe, giudice: quattro tipici esponenti della civiltà dei consumi, che nella progettata "abbuffata" vedono una fuga - forse definitiva - dalla realtà. Nella villa arrivano grandiose provviste, che l'arte esperta di Ugo trasformerà in succulente ed elaboratissime pietanze. Arrivano anche - invitate a questa che si annuncia come una sterminata orgia dei sensi - alcune ragazze di vita, che però dopo una nottata di bagordi fuggono disgustate. Solo una formosa maestra di scuola resiste, diventa ospite fissa, si abbandona con i quattro a indicibili sregolatezze, li seconda e li segue in ogni eccesso... ed assiste, quasi pietosamente, allo loro successiva scomparsa. Per primo Marcello, fulminato da una sincope nel giardino ghiacciato; poi Michel, spossato dalla dissenteria; poi Ugo, soffocato da un gigantesco soufflé; infine Philippe, che non regge a due budini a forma di seni muliebri. Resta a presidiare la villa, dove i cadaveri hanno sostituito nel frigo i quarti di bue, la maestra vorace e indistruttibile, sopravvissuta alla distruzione dell'uomo che lei stessa ha favorito.

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information