1002 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

Une journée bien remplie [Una giornata spesa bene] (1973)

Torna indietro

Une journée bien remplie [Una giornata spesa bene] (1973)



Regia/Director: Jean-Louis Trintignant
Soggetto/Subject: Jean-Louis Trintignant
Sceneggiatura/Screenplay: Vincenzo Labella, Jean-Louis Trintignant
Interpreti/Actors: Jacques Dufilho (Jean), Vittorio Caprioli (Mangiavacca), Luce Marquand (madre di Jean), Franco Pesce (padre di Jean), André Falcon, Antoine Marin (cattivo giurato Roux Albert), Jacques Doniol-Valcroze (cattivo giurato Amleto Jacquemont), Denise Peron (signorina Bertrand), Jean-Albin Guichard (Jean Rousseau, 15 anni prima), André Bernard (madre di Jean, 15 anni prima), Louis Malignon (padre di Jean, 15 anni prima), Fernand-T. Requenae (figlio di Jean, 15 anni prima), Pierre Dominique (istruttore di nuoto), Gisele Abetissian (vedova Lacour), Gerard Streff (sig. Person), Maurice Duc (sig. Leluc), Manuel Segura (signora Sauler)
Fotografia/Photography: William Lubtchansky
Musica/Music: Bruno Nicolai
Montaggio/Editing: Nicole Lubtchansky
Produzione/Production: Euro International Films, Cinétel, Paris, Président Films, Paris
Distribuzione/Distribution: Euro International Films
censura: 62525 del 24-05-1973
Altri titoli: Una giornata spesa bene
Trama: Jean Martel fa il fornaio, aiutato dal vecchio padre: i due si somigliano come due gocce d'acqua. Vita placida, tranquilla, abitudinaria. Una domenica mattina Jean, terminato il lavoro, inforca la moto e placidamente si aggira per il paese. Come sempre. Solo che oggi è un giorno diverso: vedremo Jean scovare e ammazzare uno dopo l'altro, con scrupolosa metodicità, nove persone. Nove delitti perfetti. Un caso di follia omicida? No. Il figlio di Jean è stato condannato a morte e giustiziato poco tempo fa. E il padre, tranquillamente, si vendica della giuria popolare che lo ha privato del suo ragazzo. Nove giurati; nove morti. Il conto è saldato. Adesso Jean può costituirsi alla polizia. Viene processato e, naturalmente, condannato a morte. Tra il pubblico c'è il vecchio padre, col suo aspetto da patriarca e lo sguardo da galantuomo. In mano ha un quadernetto. Con un mozzicone di matita va segnando, con puntigliosa diligenza, i nomi dei nove giurati.

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information