1503 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

Non si sevizia un paperino (1972)

Torna indietro

Non si sevizia un paperino (1972)



Regia/Director: Lucio Fulci
Soggetto/Subject: Lucio Fulci, Roberto Gianviti
Sceneggiatura/Screenplay: Gianfranco Clerici, Roberto Gianviti
Interpreti/Actors: Florinda Bolkan ("Maciara"), Barbara Bouchet (Barbara, ragazza ricca), Tomas Milian (Martelli Andrea, giornalista), Irene Papas (Amalia Mallone, madre del prete), Marc Porel (don Alberto Mallone, prete), Georges Wilson (Zio Francesco), Antonello Campodifiori (tenente dei carabinieri), Ugo D'Alessio (maresciallo Modesti), Virginio Gazzolo (procuratore della Repubblica), Andrea Aureli (Lo Cascio), Rosalia Maggio, Vito Passeri, Linda Sini (signora Lo Cascio), Franco Balducci (padre di Michele), Duilio Cruciani (Mario)
Fotografia/Photography: Sergio D'Offizi
Musica/Music: Riz Ortolani
Costumi/Costume Design: Marisa Crimi
Scene/Scene Design: Pier Luigi Basile
Montaggio/Editing: Ornella Micheli
Suono/Sound: Massimo Jaboni
Produzione/Production: Medusa Distribuzione
Distribuzione/Distribution: Medusa Distribuzione
censura: 61046 del 22-09-1972
Altri titoli: Non si sevizia così un paperino, La longue nuit de l'exorcisme
Trama: In un piccolo paese del profondo Sud d'Italia regna il terrore. Nel giro di pochi giorni sono stati compiuti alcuni omicidi, tutti eseguiti con la medesima tecnica, tutti di carattere primordiale, crudeli. E tutti apparentemente inspiegabili, ingiustificati. I sospetti si accentrano di volta in volta sull'uno o l'altro personaggio, una rete di accuse, di diffidenze, di timori, di rancori si va stendendo su tutto il paese: l'intera comunità è sotto accusa. Ognuno guarda al suo vicino come al possibile assassino, ma al tempo stesso l'inchiesta giudiziaria urta contro il muro invalicabile dell'omertà e s'impiglia nella rete degli interessi personali. L'opinione pubblica va sempre più convincendosi che responsabile delle morti, e delle sparizioni di alcuni bambini, è la Maciara, una giovane donna esperta in arti magiche. La donna viene segregata e sottoposta a tortura: si vanno preparando i presupposti per un linciaggio. In una simile atmosfera diventa estremamente difficile individuare l'assassino. Ma alla fine egli verrà scoperto, e l'incubo di un intero paese sarà dissolto.

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information