1798 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

Nel nome del padre (1972)

Torna indietro

Nel nome del padre (1972)



Regia/Director: Marco Bellocchio
Soggetto/Subject: Marco Bellocchio
Sceneggiatura/Screenplay: Marco Bellocchio
Interpreti/Actors: Yves Beneyton (Angelo Transeunti), Renato Scarpa (padre Corazza, vicerettore), Aldo Sassi (Franco), Laura Betti (madre di Franco), Piero Vida (Bestias), Lou Castel (Salvatore l'inserviente), Marco Romizi (Camma), Amerigo Alberani (prefetto Diotaiuti), Gérard Boucaron (Bocciofili), Edoardo Torricella (padre Matematicus), Tino Maestroni (Tino), Gisella Burinato (Lisetta), Luisa De Gaetano (la Madonna della Consolazione), Claudio Besestri (Muscolo), Livio Galassi (Marsilio), Orazio Stracuzzi (Remondini), Christian Alegny (rettore), Gianni Schicchi (Ghiaccio), Guerrino Crivello (Beato), Marino Cenna (Nicola), Rate Furlan (padre Economus), Franca Silvestrini (sorella di Franco), Riccardo Belingeri (Berlinghi), Salvatore Olivieri (Mimmo), Vittorio Fanfoni (Padre Obeso), Rossano Jalenti (Beato, servo suicida), Ludovico Paveri (Vico), Elisabetta Bucciarelli (nonna), Stefano Corsi (allievo), Tommaso Camuto (inserviente), Simone Carella (inserviente)
Fotografia/Photography: Franco Di Giacomo
Musica/Music: Nicola Piovani
Costumi/Costume Design: Enrico Job
Scene/Scene Design: Amedeo Fago
Montaggio/Editing: Franco Arcalli
Suono/Sound: Fernando Pescetelli
Produzione/Production: Vides Cinematografica di Franco Cristaldi
Distribuzione/Distribution: Ital-Noleggio Cinematografico
censura: 59909 del 09-03-1972
Altri titoli: Au nom du père, Im Namen des Vaters
Trama: In un collegio religioso l'arrivo di Angelo, ragazzo ricco e viziato, mette lo scompiglio tra i convitti, già insofferenti delle severe regole e degli antiquati metodi d'insegnamento. Angelo, diventato il "capo" della comunità, esercita sui compagni un'influenza precisa e si pone in contrasto col vice-rettore che rappresenta i metodi tradizionali. Aiutato dall'intellettuale Franco e dal timido Camma, Angelo fa espellere dal collegio il pavido prefetto Diotaiuti, organizza una recita grandguignolesca e mette definitivamente lo scompiglio nel collegio quando fa sparire il cadavere di un vecchio professore. Incitati da Angelo, anche i servitori del collegio si ribellano per ottenere migliori condizioni di lavoro, ma lo sciopero fallisce quando uno di loro si suicida. La verità è che tutta questa ribellione è sostanzialmente inutile: le stesse gerarchie del collegio sono convinte che occorre rimodernare tutto, e alla fine dell'anno scolastico cominciano i lavori di demolizione per dare alla scuola una veste anche esteriormente nuova. Ad Angelo non resta che compiere un ultimo gesto di rivolta: l'abbattimento di un pero ritenuto miracoloso.

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information