1224 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

La morte accarezza a mezzanotte (1972)

Torna indietro

La morte accarezza a mezzanotte (1972)



Regia/Director: Luciano Ercoli
Soggetto/Subject: Sergio Corbucci
Sceneggiatura/Screenplay: Ernesto Gastaldi, May Velasco, Guido Leoni
Interpreti/Actors: Nieves Navarro [Susan Scott] (Valentina), Claudie Lange (Veruska), Simon Andreu (Giò Baldi), Peter Martell [Pietro Martellanza] (Stefano, scultore), Carlo Gentili (commissario Seripa), Ivano Staccioli, Fabrizio Moresco, Claudio Pellegrini, Luciano Rossi, Alessandro Perrella, Elio Veller, Raul Aparich, Giuliana Rivera, Anna Recchimuzzi, Giulio Spadea, Francesco Moraldi, Giorgio Penna, Giacomo Pergola, Roberta Cifarelli, Danilo Bellucci
Fotografia/Photography: Fernando Arribas
Musica/Music: Gianni Ferrio
Costumi/Costume Design: Barbara Pugliese
Scene/Scene Design: Eduardo Torre de la Fuente
Montaggio/Editing: Angelo Curi
Suono/Sound: Amedeo Casati
Produzione/Production: Cinecompany, C.B. Films, Madrid
Distribuzione/Distribution: Cineriz
censura: 61256 del 24-10-1972
Altri titoli: La muerte acaricia a medianoche
Trama: Durante un "viaggio" a base di allucinogeni, organizzato da un settimanale a titolo di esperimento, la fotomodella Valentina rivive un delitto avvenuto tempo prima: una ragazza, Helen, è stata assassinata. Valentina ha "visto" l'assassino, e un giorno lo individua per la strada. Tranne Veruska, sorella dell'uccisa, nessuno le crede: la stessa polizia la ritiene una drogata abituale, complice di una montatura giornalistica. Mentre Veruska mostra a Valentina un album di famiglia e la ragazza riconosce in Henry Carver, amante di Helen, l'assassino, nella villa viene a mancare la luce: quando Valentina, terrorizzata, riesce a fuggire, trova Veruska orribilmente uccisa. Valentina, confusa ed impaurita, cerca invano conforto presso il suo amante Stefano, un mediocre scultore troppo preoccupato dei propri insuccessi artistici per prendersi cura della ragazza. Rientrata a casa, Valentina trova Henry Carver steso a terra con un pugnale nel petto. Due uomini l'afferrano, la costringono a lasciare le sue impronte sul pugnale e poi organizzano la sua impiccagione: dovrà sembrare che, dopo aver ucciso Carver, lei si sia suicidata per il rimorso. Valentina sembra perduta. Né l'arrivo di Stefano, che le aveva inutilmente telefonato, vale a liberarla dalla drammatica situazione. Anzi...

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information