1031 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

Imputazione di omicidio per uno studente (1972)

Torna indietro

Imputazione di omicidio per uno studente (1972)



Regia/Director: Mauro Bolognini
Soggetto/Subject: Ugo Pirro
Sceneggiatura/Screenplay: Ugo Pirro, Ugo Liberatore
Interpreti/Actors: Massimo Ranieri (Fabio Sola), Martin Balsam (giudice Aldo Sola, suo padre), Valentina Cortese (Luisa Sola, madre di Fabio), Turi Ferro (commissario Malacarne), Salvo Randone (procuratore della Repubblica), Luigi Diberti (Max Tretti), Mariano Rigillo (Luca Binda), Petra Pauly (Carla), Pino Colizzi (commissario Alberto Cottone), Carlo Valli (Massimo Ricci), Luigi Bonos, Aldo Ricci, Piero Gerlini, Alessandro Francisci, Paolo Bonetti, Massimo Sarchielli, Naya Alain [Alain Corot], Sandra Cardini, Anna Fadda, Giovanni Melli, Sergio Enria
Fotografia/Photography: Giuseppe Ruzzolini
Musica/Music: Ennio Morricone
Costumi/Costume Design: Maria Baronj
Scene/Scene Design: Guido Josia
Montaggio/Editing: Nino Baragli
Suono/Sound: Massimo Loffredo
Produzione/Production: Documento Film
Distribuzione/Distribution: Titanus
censura: 59632 del 18-01-1972
Altri titoli: Mordanklage gegen einen Studenten
Trama: In uno scontro tra polizia e studenti, durante una manifestazione, rimangono uccisi un agente ed uno dei giovani manifestanti. Al giudice Nola spetta il compito di condurre l'inchiesta sul duplice omicidio. Mentre di giorno in giorno aumentano gli indizi contro uno studente, Trotti, arrestato per l'uccisione dell'agente di polizia, sfuggono al magistrato inquirente gli elementi indicativi della responsabilità per la morte dello studente. Molte le ipotesi, ma quanto più il giudice Nola si addentra nella sua ricerca, tanto più evanescenti si fanno gli elementi atti a convalidarle. Nola si trova in pratica di fronte ad un solo presunto colpevole, lo studente indiziato, mentre i morti sono stati due ed egli intende consegnare alla polizia entrambi i colpevoli. E' durante il cammino della laboriosa inchiesta che il giudice arriva alla verità, scoprendo come il figlio Fabio sia in realtà un giovane rivoluzionario legato ad elementi extra-parlamentari di estrema sinistra e come sia proprio lui il responsabile della morte dell'agente di polizia causato dal colpo di un pugno di ferro.

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information