1171 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

Una lucertola con la pelle di donna (1971)

Torna indietro

Una lucertola con la pelle di donna (1971)



Regia/Director: Lucio Fulci
Soggetto/Subject: Lucio Fulci, Roberto Gianviti
Sceneggiatura/Screenplay: Lucio Fulci, Roberto Gianviti, José Luis Martinez Molla, André Tranché
Interpreti/Actors: Florinda Bolkan (Carol Hammond), Stanley Baker (ispettore Calvin), Jean Sorel (Frank), Leo Genn, Silvia Monti (figlia di Frank), Alberto De Mendoza (sergente di polizia), Anita Strindberg (Julie Durer), Penny Brown (Deborah), Georges Rigaud (dr. Kerr), Edy Gall (Joan), Franco Balducci (poliziotto), Mike Kennedy, Ezio Marano, Ersi Pond, Gaetano Imbrò, Luigi Antonio Guerra
Fotografia/Photography: Luigi Kuveiller
Musica/Music: Ennio Morricone
Costumi/Costume Design: Maurizio Chiari
Scene/Scene Design: Maurizio Chiari
Montaggio/Editing: Vincenzo Tomassi, Jorge Serralonga
Produzione/Production: Apollo Films, Atlántida Films, Madrid, Films Corona, Nanterre
Distribuzione/Distribution: Fida Cinematografica
censura: 57694 del 17-02-1971
Altri titoli: Una lagartija con piel de mujer, Un lézard avec la peau d'une femme, Carole
Trama: Carol racconta al suo psicanalista l'ultimo sogno, nel quale dopo aver percorso un corridoio senza fine, raggiunge una stanza dove l'attende una donna meravigliosa quasi nuda. Le si avvicina e la uccide con un tagliacarte. Dopo pochi giorni un'amica di Carol, Julia, viene trovata uccisa nello stesso identico modo del sogno di Carol. La polizia dopo una prima serie di indagini nel mondo dei drogati, arresta Carol, poiché una pelliccia ed il tagliacarte con il quale è stato commesso il delitto le appartengono. Frank Hammond, suo marito, avvocato e associato nello studio del padre di Carol, imposta la difesa sullo sdoppiamento di personalità, incapacità di intendere e di volere: assoluzione quasi certa. L'avvocato di Brighton, padre di Carol, esclude però che la figlia sia colpevole, infatti lo psicanalista registrava tutti i sogni di Carol ed inoltre lei stessa li annotava. Qualcuno potrebbe averli letti e ricostruito il delitto in modo da far cadere tutti gli indizi su Carol. In un continuo crescendo si sviluppa la vicenda, impostata nei precisi canoni del giallo psicologico, sorretta dalla ottima interpretazione della Bolkan.

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information