975 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

L'amante dell'Orsa Maggiore (1971)

Torna indietro

L'amante dell'Orsa Maggiore (1971)



Regia/Director: Valentino Orsini
Soggetto/Subject: opera
Sceneggiatura/Screenplay: Mino Rolli, Florestano Vancini, Valentino Orsini
Interpreti/Actors: Giuliano Gemma (Vladek), Senta Berger (Fela), Bruno Cremer (Saska), Spiros Focas (Alfred), Francesca Romana Coluzzi (Berna), Nicoletta Machiavelli (Leonia), Peter Capell, Flavio Bucci, Alessandro Haber, Antonio Piovanelli (Ivan), Sybil Danning, Nazzareno Zamperla, Calisto Calisti, Pier Giovanni Anchisi, Valente Maria, Simon Doat
Fotografia/Photography: Mario Vulpiani
Musica/Music: Benedetto Ghiglia
Costumi/Costume Design: Silvana Pantani
Scene/Scene Design: Sergio Canevari
Montaggio/Editing: Roberto Perpignani
Suono/Sound: Pietro Spadoni
Produzione/Production: Sancrosiap, Terzafilm Produzione Indipendente, Corona Filmproduktion, München, Transinter Films, Paris
Distribuzione/Distribution: C.I.D.I.F.
censura: 59317 del 23-11-1971
Altri titoli: Der Geliebte der grossen Bärin
Trama: Vladek, sfinito ed affamato, giunge in un piccolo villaggio devastato dall'esercito polacco. Qui fa amicizia con un giovane dallo strano nome di Topo, con il quale raggiunge la cittadina di Rakov. In una bettola, i due conoscono Sascha, un noto contrabbandiere che, colpito dalla spavalderia di Vladek, arruola lui e Topo nella sua banda. Le prime spedizioni, benché difficili, rivelano il forte temperamento e l'eccezionale coraggio di Vladek. Nel corso di una successiva spedizione, Vladek viene ferito. Ospitato da Sascha, Vladek ne conosce la bellissima moglie Fela. Il sentimento spontaneo che nasce tra i due non può tuttavia manifestarsi. Del resto, una volta ristabilitosi, Vladek riprende la propria attività, che lo porta tra l'altro tra le braccia di Bombina. Rientrato, dopo varie peripezie, a Rakov, Vladek prende parte ad un'ennesima spedizione. Qualcuno però fa la spia e i contrabbandieri vengono circondati dalla polizia. Lo scontro è sanguinoso. Topo muore, Sascha, gravemente ferito, è portato in salvo da Vladek, tuttavia poco dopo muore anche lui. L'attività di contrabbando è ormai impossibile. Fela vorrebbe che il giovane restasse sempre con lei: nessun impedimento esiste più alla loro felicità. Ma la natura ribelle e indipendente di Vladek fa si che il giovane riprenda il suo vagabondaggio senza fine.

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information