2380 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

I leopardi di Churchill (1970)

Torna indietro

I leopardi di Churchill (1970)



Regia/Director: Maurizio Pradeaux
Soggetto/Subject: Maurizio Pradeaux
Sceneggiatura/Screenplay: Arpad De Riso, Federico de Urrutia, Maurizio Pradeaux
Interpreti/Actors: Richard Harrison, Pilar Velasquez, Giacomo Rossi Stuart, Francisco Braña [Frank Brana], Angela Covello, Helga Liné, Claudio Biava, Massimo Righi [Max Dean], Antonio Casa, Giovanni De Angelis, Sergio Doria, Bruno Erba, Augusto Funari, John Frederick, Omero Gargano, Franco Marletta, Furio Meniconi, Klaus Kinski
Fotografia/Photography: Miguel F. Mila
Musica/Music: Franco Salina
Scene/Scene Design: Jose Luis Galicia, Bartolomeo Scavia [Mimmo Scavia]
Montaggio/Editing: Enzo Alabiso
Suono/Sound: Giancarlo Droghini
Produzione/Production: Sap Cinematografica, Aitor Films, Madrid
Distribuzione/Distribution: Jumbo Cinematografica
censura: 56573 del 08-08-1970
Altri titoli: Les léopards de Churchill, Los leopardos de Churchill, Commando Attack, Zum Krepieren befohlen
Trama: Ardenne 1944. Una partigiana francese riceve l'ordine di uccidere un giovane tenente della Vermacht, per permettere al tenente Benson dell'esercito Britannico di prendere il suo posto e sostituirlo al comando di una postazione nei pressi di una diga. Il tenente Benson era il fratello dell'ufficiale germanico ucciso dai partigiani. Non passa molto tempo che i commandos britannici, comandati dal maggiore Powell, vengono paracadutati nella zona, dando così inizio ad una serie di scaramucce in cui i tedeschi hanno sempre la peggio. Per rappresaglia il comandante delle SS, Holtz cattura venti ostaggi minacciandone la fucilazione qualora il vero responsabile non si costituisca. Il capo dei partigiani, La Tulippe, per salvare gli abitanti del piccolo centro, si costituisce. I commandos ricevono l'ordine di distruggere la diga, ma mentre stanno per far brillare l'esplosivo, sopraggiungono in forze i tedeschi, dando l'avvio ad una furiosa battaglia. Alla fine hanno la meglio i teutonici, ma quando l'operazione sembra del tutto compromessa riappare Benson, che stabilisce il contatto elettrico con l'esplosivo e fa saltare tutto.

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information