1120 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

Il giardino dei Finzi Contini (1970)

Torna indietro

Il giardino dei Finzi Contini (1970)



Regia/Director: Vittorio De Sica
Soggetto/Subject: opera
Sceneggiatura/Screenplay: Ugo Pirro, Vittorio Bonicelli
Interpreti/Actors: Lino Capolicchio (Giorgio), Dominique Sanda (Micol Finzi-Contini), Fabio Testi (Giampaolo Malnate), Romolo Valli (padre di Giorgio), Helmut Berger (Alberto, fratello di Micol), Camillo Casarei (Ermanno Finzi-Contini), Inna Alekseieff (Regina, nonna Harton-Herrera), Katina Morisani (Olga Finzi-Contini), Barbara Leonard Pilavin (madre di Giorgio), Michel Berger (studente tedesco), Ettore Geri (maggiordomo dei Finzi-Contini), Raffaele Curi (Ernesto, fratello di Giorgio), Gian Paolo Duregon (Bruno Lattes), Marcella Gentile (Fanny), Cinzia Bruno (Micol bambina), Alessandro D'Alatri (Giorgio bambino), Franco Nebbia (prof. De Marchis), Edoardo Toniolo (direttore biblioteca), Camillo Angelini Rota (Ermanno Finzi-Contini), Katina Viglietti (Olga, moglie di Ermanno)
Fotografia/Photography: Ennio Guarnieri
Musica/Music: Manuel De Sica
Costumi/Costume Design: Giancarlo Bartolini Salimbeni
Scene/Scene Design: Giancarlo Bartolini Salimbeni
Suono/Sound: Massimo Loffredi, Max Galisky
Montaggio/Editing: Adriana Novelli
Produzione/Production: Documento Film, CCC Filmkunst, Berlin
Distribuzione/Distribution: Titanus
censura: 57193 del 10-11-1970
Altri titoli: Le jardin des Finzi-Contini, The Garden of the Finzi-Contini, Der Garten der Finzi Contini
Trama: Ferrara, gli anni che preludono alla seconda guerra mondiale. E' in atto la persecuzione razziale, e la famiglia Finzi Contini, immagine tipica dell'alta e raffinata borghesia ebraica, ne sarà toccata e sconvolta. Fulcro della vicenda è Micol, ragazza moderna che sente approssimarsi la catastrofe e cerca disperatamente di vivere, anche a costo di soffocare i principi di una rigorosa educazione. Accanto a lei Alberto, il fratello teneramente amato, predestinato alla morte; e poi David, l'amico d'infanzia troppo debole e impari agli avvenimenti; e poi Malnate, un amico occasionale vigoroso, violento, progressista. Sarà lui a decidere il corso della vita di Micol. La Ferrara degli anni Trenta fa da sfondo a questo affresco di una società in via di sfaldamento.

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information