1828 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

Angeli senza paradiso (1970)

Torna indietro

Angeli senza paradiso (1970)



Regia/Director: Ettore Maria Fizzarotti
Soggetto/Subject: Sergio Bonotti
Sceneggiatura/Screenplay: Giovanni Grimaldi
Interpreti/Actors: Romina Power (contessina, Anna Roskoff), Al Bano [Albano Carrisi] (Franz Schubert), Agostina Belli (Marta, ragazza del monte dei pegni), Paul Müller (Hermann Fux), Wolff Fischer (barone Ludwig), Caterina Boratto (principessa Vorokin), Herter Gerard (conte Roskoff), Renato Malavasi (Schultz), Edoardo Toniolo (direttore scuola), Emma Baron (madre di Marta), Antonio Marsina (amico di Franz), Consalvo Dell'Arti (maestro di Corte), Franco Carrisi (Karl), Franco Fantasia (Bauer, marito di Helga), Gino Marturano [Luigi Marturano] (amico di Ludwig), Claudio Trionfi, Cinzia De Carolis (Irina Roskoff)
Fotografia/Photography: Mario Capriotti
Costumi/Costume Design: Carlo Leva
Scene/Scene Design: Carlo Leva
Suono/Sound: Giulio Tagliacozzo
Montaggio/Editing: Daniele Alabiso
Produzione/Production: Mondial Te.Fi. - Televisione Film
Distribuzione/Distribution: Titanus
censura: 56716 del 02-09-1970
Trama: Il giovane compositore Franz Schubert, che per sbarcare il lunario insegna in una scuola elementare di Vienna, è costretto a pignorare il suo violino. Al banco dei pegni conosce Marta, la giovane impiegata che lo aiuta a più riprese. Franz viene invitato a suonare a palazzo Vorokin. Qui, mentre esegue al pianoforte una sua composizione, viene interrotto da una sonora risata di una giovane invitata. In seguito Franz si trasferisce a Budapest per insegnare musica e canto alle due giovani figlie del Conte Rostkov. Con viva sorpresa riconosce in una delle due, Olga, la giovane dama che aveva interrotto il suo concerto. Nei giorni successivi, fra i due nasce l'amore e Olga procura a Franz del lavoro a Vienna; al ritorno si sposeranno. Schubert riscuote vivo successo coi suoi concerti; ma il segretario del Conte Rostkov gli comunica che non dovrà più metter piede al castello. Intanto, Irina, sorella di Olga, gli fa sapere che questa è costretta dal padre a sposare il barone Kurt Pazlevi. Franz corre a Budapest e arriva proprio mentre Olga si sta sposando. Al pianoforte esegue la composizione del primo incontro, ma ancora una volta viene interrotto da Olga: questa volta, con un pianto irrefrenabile Franz si allontana tristemente, mentre Olga disperata lo osserva da una finestra del castello.

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information