scheda
 1291 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

Porcile (1969)

Torna indietro

Porcile (1969)



Regia/Director: Pier Paolo Pasolini
Soggetto/Subject: Pier Paolo Pasolini
Sceneggiatura/Screenplay: Pier Paolo Pasolini
Interpreti/Actors: Pierre Clémenti (cannibale), Franco Citti (secondo cannibale), Ninetto Davoli, Luigi Barbini (due giovani), Jean-Pierre Léaud (Julian), Anne Wiazemsky (Ida), Alberto Lionello (Klotz), Margherita Lozano (frau Bertha Klotz), Ugo Tognazzi (Herdhitze), Marco Ferreri (Hans Gunther), Ninetto Davoli (Maracchione), Sergio Elia (un domestico)
Fotografia/Photography: Tonino Delli Colli, Armando Nannuzzi, Giuseppe Ruzzolini
Musica/Music: Benedetto Ghiglia
Costumi/Costume Design: Danilo Donati
Scene/Scene Design: Danilo Donati
Montaggio/Editing: Nino Baragli
Suono/Sound: Alberto Salvatori
Produzione/Production: I Film dell'Orso, I.N.D.I.E.F. - Internazionale Nembo Distribuzione Importazio, IDI Cinematografica, C.A.P.A.C., Paris
Distribuzione/Distribution: I.N.D.I.E.F.
censura: 54471 del 27-08-1969
Altri titoli: Pigsty, Porcherie, Der Schweinestall, Primo episodio, Secondo episodio
Trama: Due sono i film che coesistono in questa penultima fatica cinematografica del regista-attore-poeta-scrittore PPP (l'ultima è la Medea-Callas). L'uno è il racconto di una comunità orrida ambientata negli anni cupi del Medioevo, che sulle pendici desolate di un vulcano si ciba delle carni dei viandanti in un impeto di rifiuto totale del mondo. Verranno presi, uomini e donne, con un tranello dai soldati, e dati in pasto ai cani randagi. L'altro è ambientato ai giorni nostri ed è una sorta di apologo sulla società contemporanea con particolare riferimento alla realtà tedesca. Due capitalisti si potrebbero distruggere a vicenda perché a conoscenza entrambi dei "segreti" di ciascuno di loro: il primo ha un figlio che ama i porci, il secondo è stato un criminale di guerra. La cosa migliore dunque è allearsi: uniti si è più forti e si soffocano i mormorii. Ma il giovane verrà divorato dai porci. Dice Pasolini: "La società divora i suoi figli. I figli devono essere obbedienti e basta".

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information