1951 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

Le diable par la queue [Non tirate il diavolo per la coda] (1969)

Torna indietro

Le diable par la queue [Non tirate il diavolo per la coda] (1969)



Regia/Director: Philippe de Broca
Soggetto/Subject: Daniel Boulanger, Philippe de Broca
Sceneggiatura/Screenplay: Daniel Boulanger, Philippe de Broca
Interpreti/Actors: Yves Montand (Cesare), Madeleine Renaud (marchesa), Maria Schell (Diana), Jean Rochefort (Georges, il conte), Jean-Pierre Marielle (Leroy-Martin), Xavier Gélin (Charlie), Marthe Keller (Amelia), Tania Lopert (Cookie), Janine Berdin (signora Passereau), Clotilde Joanno (Jeanne), Eddy Roos (signor Passereau), Claude Piéplu (Patin), Jacques Balutin (Balaze), Pierre Tornade (Schwarz), Charles Mallet (commissario), Philippe de Broca (campeggiatore svedese)
Fotografia/Photography: Jean Penzer
Musica/Music: Georges Delerue
Montaggio/Editing: Françoise Javet
Suono/Sound: Jean Labussière
Produzione/Production: P.E.A. - Produzioni Europee Associate di Grimaldi Maria Rosa, Fildebroc, Paris, Productions Artistes Associés, Paris
Distribuzione/Distribution: P.E.A.
censura: 53658 del 03-04-1969
Altri titoli: Non tirate il diavolo per la coda, Pack den Tiger schnell am Schwanz
Trama: Una tipica famiglia della tradizionale ma spregiudicata nobiltà francese. Il padre George, la madre Diana, ancora affascinante, la giovane figlia Amelia, bella e con in più il fascino dei vent'anni, la nonna più giovanile che mai, la cuginetta appassionata di musica, seducente e maliziosa. In questo microcosmo che vive nell'antico maniero di famiglia adattato ad albergo, capita Cesare, un avventuriero che si spaccia per barone, ed è reduce da un fortunato colpo in banca: 100 milioni. Grazie agli interventi di un benzinaio, invaghito di Amelia, che danneggia le auto di passaggio, il "Chotel" (sta per chateu-hotel) si riempie di gente. Ma la valigetta con il "grisbi" fa gola alla famigliola, che decide d'impossessarsene. Solo che tanti secoli di etichetta hanno resto maldestri i loro gesti, e l'ottimo Cesare ha partita vinta. Estro, fantasia e buon gusto: ecco gli ingredienti di questo film di piacevole lettura.

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information