1073 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

L'homme qui valait des milliards [L'uomo che valeva miliardi] (1967)

Torna indietro

L'homme qui valait des milliards [L'uomo che valeva miliardi] (1967)



Regia/Director: Michel Boisrond
Soggetto/Subject: opera
Sceneggiatura/Screenplay: Michel Lebrun, Angelo Vecchio Verderame, Annette Wademant
Interpreti/Actors: Frédéric Stafford (Sarton), Raymond Pellegrin (Novak), Peter Van Eyck (Muller), Anny Duperey (Barbara), Jean Franval (Larrieux), Sarah Stéphane (Monique), Christian Barbier (Carl), Henri Czarniak (Mario), Sylvain Levignac [Sylvain] (Georges), Jacques Dynam (Loulou), Jess Hahn (Henry), Henri Lambert (carceriere), Nicole Debonne, André Badin, Bernadette Robert (Juliette)
Fotografia/Photography: Raymond Lemoigne, Marcel Grignon
Musica/Music: Georges Garvarentz
Scene/Scene Design: Henri Sonois
Montaggio/Editing: Claudine Bouché
Suono/Sound: Julien Coutellier
Produzione/Production: C.M.V. Produzione Cinematografica, France Cinéma Production, Paris
Distribuzione/Distribution: Paramount
censura: 50236 del 08-11-1967
Altri titoli: Million Dollar Man, L'uomo che valeva miliardi, Der Goldene Schlüssel
Trama: La storia comincia con un'evasione dal carcere della Santé. I due fuggitivi tuttavia non ricuperano la libertà: usciti dal carcere cadono nelle mani di una banda, capeggiata da un tedesco, che vuol sapere dove si trova un carico di dollari stampati dai nazisti durante la guerra. Il bottino è scomparso in Africa, dove i due complici, sfuggiti alla seconda prigionia intendono dirigersi. Strani complici: poiché uno è il depositario del segreto, l'altro non è che un agente americano incaricato di scoprirlo: Andrà bene per tutti e due; l'agente distruggerà i dollari falsi e l'ergastolano sarà graziato. I film ispirati alla ricerca di un tesoro nascosto, quasi sempre frutto di una rapina o di un imbroglio, si stanno moltiplicando. E' una formula adottata con pari disinvoltura dal western come dal moderno poliziesco-spionistico. Boirond, già autore di maliziose commedie con Brigitte Bardot, sa usarla con notevole abilità.

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information