1534 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

Galileo (1968)

Torna indietro

Galileo (1968)



Regia/Director: Liliana Cavani
Soggetto/Subject: Tullio Pinelli, Liliana Cavani
Sceneggiatura/Screenplay: Liliana Cavani, Tullio Pinelli
Interpreti/Actors: Cyril Cusack (Galileo Galilei), Gigi Ballista (commissario domenicano), Giulio Brogi (Sagredo), Gheorghi Kolaiancev (Giordano Bruno), Nevena Kokanova (Marina), Nikolaj Doicev (cardinale Bellarmino), Gheorghi Cerkelov (Paolo Sarpi), Marcello Turilli [Max Turilli] (Acquapendente, professore di anatomia), Piero Vida (papa Urbano VIII), Miroslav Mindov (altro commissario domenicano), Paolo Graziosi (Lorenzo, Bernini), Lou Castel (padre Charles, un giovane monaco del Vaticano), Mila Dimitrova (madre di Galileo), Maia Dragomanska (figlia di Galileo), Vittorio Duse, Giampiero Frondini (cardinale), Jean Rougeul, Claudio Cassinelli, Antonio Nediani, Sergio Fincato, Dante Cleri, Michali Michallov, Konstantin Dimov, Maria Quasimodo, Anna Maria Gherardi, Raimondo Penne, Nikolai Lizunov, Plamen Ciarov, Liuben Mitrev, Stefan Trancev, Vladimir Davcev, Dinko Dinev, Teofan Chranov, Greta Ganceva
Fotografia/Photography: Alfio Contini
Musica/Music: Ennio Morricone
Costumi/Costume Design: Ezio Frigerio
Scene/Scene Design: Ezio Frigerio
Montaggio/Editing: Nino Baragli
Suono/Sound: Nino Renda
Produzione/Production: Fenice Cinematografica, Rizzoli Film, Kinozenter, Sofija
Distribuzione/Distribution: Cineriz
censura: 52290 del 06-09-1968
Altri titoli: Galileo, Galileo
Trama: Un film importante, questo Galileo della nostra ormai famosa "donna-regista", che ha ben meritato alla Mostra di Venezia gli applausi di un pubblico interessato, nello spettacolo cinematografico, non solo alla pura evasione ma anche al discorso impegnato. Tutti ormai, chi più chi meno, conoscono la travagliata esistenza del grande scienziato, sia perché le storie ne hanno sempre parlato, malgrado tutto, sia perché un illustre autore come Brecht ne ha riproposto a teatro la drammatica avventura. Raccontando i momenti essenziali di questa avventura umana, la Cavani ha però avuto il merito di approfondire, umanizzando al massimo e quindi senza retorica alcuna, la figura del protagonista, lucidissimo come scienziato ma non coerente come uomo fino al punto di subire lo stesso rogo di Bruno per difendere le proprie idee. Le accuse dapprima sottili, poi sempre più pressanti rivolte a Galileo diventano, come il processo finale, spettacolo; e il film accontenta sia lo spettatore avido di sapere che quello in cerca di "suspense".

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information