1011 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

Stasera mi butto (1967)

Torna indietro

Stasera mi butto (1967)



Regia/Director: Ettore Maria Fizzarotti
Soggetto/Subject: Anacleto Fontini
Sceneggiatura/Screenplay: Gianni Grimaldi
Interpreti/Actors: Lola Falana (Lola), Marisa Sannia (Marisa), Giancarlo Giannini (prof. Carlo), Stelvio Rosi (Fabrizio), Rocky Roberts (se stesso), complesso The Airedales (loro stessi), Nino Taranto (padre di Marisa), Caterina Boratto (madre di Carlo), Franco Franchi (bagnino), Ciccio Ingrassia (bagnino), Giuseppe Porelli (barone), Enrico Viarisio (vecchio barone suo padre), Renata Pacini (amica di Marisa), Enrico Montesano (Enrico), Enzo Cannavale (capo cameriere), Ezio Busso, Carlo Colombini, Cristina Sacchetti, Stefanella Giovannini, Dada Gallotti, Lea Nanni, Mirella Pamphili, Dominique Medart, Valentino Macchi
Fotografia/Photography: Guglielmo Mancori
Musica/Music: Gianfranco Reverberi
Costumi/Costume Design: Rosanna Menichelli
Scene/Scene Design: Antonio Angiuono
Montaggio/Editing: Daniele Alabiso
Suono/Sound: Alessandro Sarandrea
Produzione/Production: Seven Film
Distribuzione/Distribution: Titanus
censura: 50138 del 24-10-1967
Altri titoli: Il professor Timidoni
Trama: Dopo aver impinguato i borderò dei cinema popolari con la Pavone e Morandi, il furbo Fizzarotti s'è dedicato agli astri della canzone nuova, o giovane, del momento. Qui la trama è costituita dallo sbocciare d'un amore tra un giovane quanto serio professore e la modernissima figlia d'un industriale. Ma è un filo che tiene cucite le diverse attrazioni. A cominciare dall'innamoratina, la Sannia, che è una cantante nuova; passando attraverso Rocky Roberts, che si esibisce nei night dell'hotel estivo ove la vicenda è ambientata, per finire alla Falana, il cui arrivo come "vedette" mette in crisi l'innamoramento di cui si diceva (ma tutto si risolverà per il meglio). Ci sono poi i consueti caratteristi con le loro macchiette, e perfino Franchi e Ingrassia, inesperti come bagnini, ma scaltrissimi nello spillar quattrini ai maniaci dei buchi nelle cabine. Per un totale di una dozzina di canzoni, moltissime danze e qualche matrimonio ben assortito.

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information