1066 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

Tiro al piccione (1961)

Torna indietro

Tiro al piccione (1961)



Regia/Director: Giuliano Montaldo
Soggetto/Subject: Romanzo di Giose Rimanelli
Sceneggiatura/Screenplay: Luciano Martino, Giuliano Montaldo, Fabrizio Onofri, Ennio De Concini
Interpreti/Actors: Eleonora Rossi Drago (Anna), Jacques Charrier (Marco Laudato), Francisco Rabal (Elia), Sergio Fantoni (Nardi), Carlo D'Angelo (Mattei), Gastone Moschin (Pasquini), Franco Balducci (Garrani), Silla Bettini (Gioioso), Loris Bazzocchi (Giuliani), Enzo Cerusico (pastorello ucciso), Franco Lantieri (un repubblichino), Maria Grazia Francia (Ida), Franca Nuti (donna col marito al fronte), Marco Mariani (un medico), Edgardo Siroli (un repubblichino), Enrico Glori (oratore fascista), Franco Perucci
Fotografia/Photography: Carlo Di Palma
Musica/Music: Carlo Rustichelli
Costumi/Costume Design: Pier Luigi Pizzi
Scene/Scene Design: Carlo Egidi
Montaggio/Editing: Nino Baragli
Suono/Sound: Mario Amari
Produzione/Production: Ajace Produzioni Cinematografiche, Euro International Films
Distribuzione/Distribution: Euro International Films
censura: 35480 del 09-09-1961
Altri titoli: Le commando traqué
Trama: All'indomani dell'8 settembre 1943, il giovane Marco Laudato, senza esserne del tutto consapevole, aderisce alla neonata Repubblica di Salò, spinto da confuse idee patriottiche. Egli trova un prezioso amico in un più anziano camerata, Elia. Presto, Marco rimane nauseato dalla sequela di eccidi, rappresaglie e rastrellamenti, ai quali gli viene ordinato di partecipare. Gettato allo sbaraglio in un'assurda missione, il giovane viene ferito; trattato da eroe, viene ricoverato in un ospedale, dove stringe una fugace relazione con un'infermiera più grande di lui, Anna. La donna però fugge in Svizzera con un militare disertore, il capitano Mattei. Dimesso, Marco è sempre più sconvolto dalle efferate barbarie a cui assiste. Si trova addirittura a dover sparare il colpo di grazia contro Elia, finito davanti al plotone d'esecuzione per diserzione. Il travaglio interiore di Marco ha raggiunto l'apice: con l'animo tormentato partecipa ad una missione suicida contro i partigiani. Durante la battaglia il reparto fascista viene annientato, l'unico sopravvissuto è Marco: non sente più alcun desiderio di combattere, sconsolato e piangente si addormenta sui cadaveri dei camerati che lo circondano.

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information