1558 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

I tartari (1961)

Torna indietro

I tartari (1961)



Regia/Director: Ferdinando Baldi
Soggetto/Subject: Domenico Salvi, Sabatino Ciuffini, Oreste Palella, Gaio Fratini, Ambrogio Molteni
Sceneggiatura/Screenplay: Domenico Salvi, Sabatino Ciuffini, Oreste Palella, Gaio Fratini, Ambrogio Molteni
Interpreti/Actors: Orson Welles (Burundai, capo dei Tartari), Victor Mature (Oleg, capo dei Vichinghi), Liana Orfei (Helga, moglie di Oleg), Arnoldo Foà (Ciu-Ling), Bella Cortez (Samja), Folco Lulli (Togrul), Luciano Marin (Eric), Furio Meniconi (Sigrun), Pietro Ceccarelli, Renato Terra Caizzi [Renato Terra], Spartaco Nale
Fotografia/Photography: Amerigo Gengarelli
Musica/Music: Renzo Rossellini
Costumi/Costume Design: Giovanni Natili
Scene/Scene Design: Pasquale Dal Pino, Oscar D'Amico
Montaggio/Editing: Maurizio Lucidi
Suono/Sound: Kurt Doubrawsky
Produzione/Production: Lux Film, Dubrava Film, Zagreb
Distribuzione/Distribution: Cinema International Corporation
censura: 34051 del 18-02-1961
Altri titoli: The Tartars, Die Tataren
Trama: In Russia, nella regione del Volga, si svolge un summit tra i Vichinghi di Oleg e i Tartari di Togrul. Questi propone ad Oleg un'alleanza contro gli Slavi, ma il vichingo si rifiuta di stringere il patto. Togrul, irato, lo aggredisce e nella furiosa baraonda che si scatena è proprio il tartaro a rimanere ucciso. A succedergli è il fratello, il feroce Burundai bramoso di vendetta. Dal momento che i Tartari hanno preso prigioniera la moglie di Oleg, Helga, mentre i Vichinghi hanno tra le loro mani Samja, la figlia di Burundai, le due fazioni si accordano per uno scambio. Ma l'ignobile Burundai tradisce la parola data e violenta Helga, lasciandola poi stuprare da tutta la sua soldataglia. Al momento dello scambio, la donna si getta da una torre, ai piedi della quale la raccoglie il marito. Così mentre Eric, fratello di Oleg protegge la ritirata della delegazione vichinga, l'altro, disperato, porta la consorte in un castello vichingo, dove Helga prima di morire, racconta il dramma vissuto. Oleg, in preda alla collera, vorrebbe vendicarsi su Samja, ma Eric confessa al fratello di amare la prigioniera, che attende anche un figlio da lui. Immediatamente i due giovani innamorati vengono denunciati al tribunale degli anziani, ma il giudizio non viene pronunciato: i Tartari stanno infatti attaccando i Vichinghi. Nella sanguinosa lotta che si scatena, muoiono sia Burundai, sia Oleg. E mentre i Tartari vincono la battaglia, Sjama ed Eric riescono a fuggire su una nave vichinga.

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information