1506 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

Fortunat [S.S. Operazione Fortunat] (1961)

Torna indietro

Fortunat [S.S. Operazione Fortunat] (1961)



Regia/Director: Alex Joffé
Sceneggiatura/Screenplay: Alex Joffé, Pierre Corti
Interpreti/Actors: Michèle Morgan (Juliette Valcoirt), Bourvil (Noël Fortunat), Gaby Morlay (signorina Massillon), Teddy Billis (signor Falk), Rosy Varte (signora Falk), Albertine Sarova (figlia dei Falk), Patrick Millow (Pierre Valcourt), Robert Frédéric (Maurice Valcourt), Alan Scott (giovane americano), Jean-Marie Amato (gioielliere), Pierre Doris (barista), Pierre Mirat (miliziano), André Cellier (amico della signorina Massillon)
Fotografia/Photography: Pierre Petit
Musica/Music: Denis Kiefer
Scene/Scene Design: Henri Schmitt
Montaggio/Editing: Eric Pluet
Suono/Sound: Pierre Calvet
Produzione/Production: Incei Film, Produzioni Cinematografiche Mediterranee - P.C.M., Cinétel, Paris, Silver Films, Paris
Distribuzione/Distribution: Incei Film
censura: 35059 del 11-07-1961
Altri titoli: S.S. Operazione Fortunat, Fortunat
Trama: Durante l'occupazione nazista in Francia, in un piccolo villaggio un povero calzolaio, Fortunat, si presta a far passare il fiume ai francesi perseguitati dai tedeschi. Un giorno i partigiani chiedono a Fortunat di aiutare la signora Juliette Valecourt, il cui marito è nelle mani delle SS, e i suoi due figli a raggiungere Tolosa. Fortunat si finge il marito di Juliette; arrivati nella casa loro destinata, che è in condizioni precarie, il calzolaio si attarda qualche giorno per aiutare la donna e i suoi figli a rendere più agevoli le loro condizioni di vita. Qualche giorno dopo arriva un giovane aviatore americano che Fortunat deve accompagnare al Sud. La sorprendente gelosia provata verso l'aviatore fa capire al calzolaio che i suoi sentimenti verso Juliette non sono più soltanto quelli di un fedele servitore. Peraltro, l'assenza di Fortunat fa capire a sua volta alla donna di provare un sentimento profondo verso di lui. Al ritorno, infatti, Fortunat non è più trattato da Juliette come un domestico e l'uomo comincia a sentire quella famiglia come sua. Il figlio maggiore di Juliette scopre la relazione di sua madre con Fortunat e ne rimane profondamente scosso. Finita la guerra e tornati a Parigi, Juliette si ricongiunge con il marito, finalmente libero. Pur felice per il ritorno del padre, il figlio maggiore si commuove quando vede partire Fortunat, che si allontana solo, per sempre.

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information