1723 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

I sogni muoiono all'alba (1961)

Torna indietro

I sogni muoiono all'alba (1961)



Regia/Director: Mario Craveri, Enrico Gras, Indro Montanelli
Soggetto/Subject: Lavoro teatrale di I. Montanelli
Sceneggiatura/Screenplay: Indro Montanelli
Interpreti/Actors: Lea Massari (Anna Miklos), Aroldo Tieri (Antonio), Mario Feliciani (Mario), Ivo Garrani (Andrea), Gianni Santuccio (Gianni), Rina Centa (Ethel), Renzo Montagnani (Sergio)
Fotografia/Photography: Giovanni Raffaldi, Ubaldo Marelli
Musica/Music: Angelo Francesco Lavagnino
Scene/Scene Design: Piero Zuffi
Montaggio/Editing: Eraldo Judiconi [Eraldo Da Roma]
Suono/Sound: Mario Amari, Nino Renda
Produzione/Production: Cinematografica RI.RE.
Distribuzione/Distribution: Cineriz
censura: 35481 del 21-09-1961
Trama: Budapest, notte fra il 3 e il 4 novembre 1956. I carri armati dell'Armata Rossa stringono d'assedio la capitale ungherese, l'accerchiamento è completo e si attende solo l'ordine per l'attacco finale. Mentre gli insorti ungheresi, guidati da Maleter, tentano l'ultima, drammatica trattativa con i Sovietici, cinque giornalisti italiani sono chiusi in una camera d'albergo in attesa degli eventi e discutono intorno all'invasione del Paese. I cinque uomini, ognuno di diversa tendenza politica, hanno atteggiamenti differenti di fronte alla tragedia che si sta consumando: Gianni, un vecchio e cinico cronista di guerra, è in astiosa polemica con Antonio, ex partigiano, inviato di un giornale comunista, il cui sarcasmo apparente nasconde una profonda crisi di coscienza; Mario, anziano e malato, sembra aver perso interesse non solo per la professione ma anche per ciò che sta accadendo; Andrea, intelligente e moderno, segue tutto con attenzione; Sergio, infine, attivista comunista, vive una rapida e intensa storia d'amore con Anna Miklos, una partigiana ungherese. All'alba le truppe corazzate sovietiche aprono il fuoco. Anna si precipita a combattere per strada, Sergio la segue, incontro alla morte. Anche Mario decide di morire per le strade di Budapest, per porre fine ad una vita che ormai non gli interessa più.

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information