1559 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

Psycosissimo (1961)

Torna indietro

Psycosissimo (1961)



Regia/Director: Stefano Vanzina [Steno]
Soggetto/Subject: Vittorio Metz, Roberto Gianviti, Stefano Vanzina [Steno]
Sceneggiatura/Screenplay: Vittorio Metz, Roberto Gianviti, Stefano Vanzina [Steno]
Interpreti/Actors: Ugo Tognazzi (Ugo Bertolazzi), Raimondo Vianello (Raimondo Vallardi), Edy Vessel (Annalisa Michelotti), Monique Just (Marcella Bertolazzi), Franca Marzi (Clotilde Scarponi), Spiros Focas (Pietro, autista-amante di Annalisa), Francesco Mulè (Arturo Michelotti), Leonardo Severini (commissario), Nerio Bernardi (professore universitario di criminologia), Renato Montalbano (agente), Toni Ucci (Augustarello, pensionante), Ugo Pagliai (studente), Giuseppe Chinnici (medico dell'autopsia)
Fotografia/Photography: Tino Santoni [Clemente Santoni]
Musica/Music: Carlo Rustichelli
Costumi/Costume Design: Dina Di Bari
Scene/Scene Design: Ivo Battelli
Montaggio/Editing: Giuliana Attenni
Suono/Sound: Pietro Ortolani, Renato Cadueri
Produzione/Production: Flora Film, Variety Film
Distribuzione/Distribution: Variety Film
censura: 34014 del 08-02-1961
Altri titoli: C'est parti mon kiki
Trama: Tre attori spiantati, Raimondo, Ugo e Marcella, sono specializzati in sketch gialli che nessun impresario accetta. Casualmente assiste ad una delle loro rarissime rappresentazioni Arturo Michelotti, uomo infelicemente sposato con l'infedele e perfida Annalisa. Equivocando, Michelotti scambia Raimondo ed Ugo per due killer professionisti e propone loro di liberarlo della moglie dietro lauto compenso. I due accettano l'incarico, con l'intento di inscenare un finto delitto, intascare i soldi del contratto e fuggire. Ma anche Annalisa ha avuto l'idea di uccidere il coniuge, per l'omicidio del quale si fa aiutare dall'amante, l'autista Pietro. Raimondo e Ugo, malcapitati testimoni dell'omicidio, vengono così a trovarsi nei guai fino al collo: la polizia li ricerca come autori del delitto, mentre Annalisa e Pietro li vogliono morti poiché incomodi testimoni. Catturati dai diabolici amanti e trascinati in un salumificio, i due sventurati attori stanno per finire inghiottiti da un enorme tritacarne e trasformati in salumi. Ma quando tutto sembra perduto, ecco che irrompe la polizia, avvertita da Marcella. Ugo e Raimondo riescono così a salvare la pelle, mentre nel tritacarne finiscono gli assassini Annalisa e Pietro.

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information