1674 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

Giuseppe venduto dai fratelli (1961)

Torna indietro

Giuseppe venduto dai fratelli (1961)



Regia/Director: Irving Rapper, Luciano Ricci
Soggetto/Subject: opera
Sceneggiatura/Screenplay: Oreste Biancoli, Ennio De Concini, Guglielmo Santangelo
Interpreti/Actors: Geoffrey Horne (Giuseppe), Belinda Lee (Heneth, moglie di Putifarre), Robert Morley (Putifarre), Vira Silenti (Asenath), Mario Girotti (Beniamino da grande), Arturo Dominici (Bakmira, ministro), Dante Di Paolo (Simone, fratello di Giuseppe), Finlay Currie (Giacobbe, padre di Giuseppe), Robert Riatty (faraone), Mario Angeletti [Marietto] (Beniamino bambino), Mimo Billi (Nefer, gran coppiere), Marco Guglielmi (Giuda, fratello di Giuseppe), Helmut Schneider (Zebulone, fratello di Giuseppe), Carlo Giustini (Ruben, fratello di Giuseppe), Loris Bazzocchi (Issacar, fratello di Giuseppe), Marija Marin (Aser, fratello di Giuseppe), Ady Rizvanbergovic (Neftali, fratello di Giuseppe), Nino Segurini (Gaad, fratello di Giuseppe), Tonko Sarcevic (Levi, fratello di Giuseppe), Charles Borromel (Dan, fratello di Giuseppe), Pietro Tordi, Gianni Solaro (medico di Putifarre), Julian Brooks (Anteff, gran panettiere)
Fotografia/Photography: Riccardo Pallottini
Musica/Music: Mario Nascimbene
Costumi/Costume Design: Maria De Matteis
Scene/Scene Design: Oscar D'Amico
Montaggio/Editing: Mario Serandrei
Suono/Sound: Mario Messina, Raffaele Del Monte
Produzione/Production: Donati e Carpentieri
Distribuzione/Distribution: Indipendenti Regionali
censura: 34238 del 11-03-1961
Altri titoli: The Story of Joseph and His Brethren, Joseph and His Brethren, Joseph Sold by His Brothers, Sold into Egypt
Trama: Giacobbe ha un figlio particolarmente intelligente che è anche il suo prediletto: Giuseppe. Invidiosi di questa preferenza paterna, i suoi fratelli lo vendono a un mercante di schiavi, che lo rivende a sua volta. Giacobbe finisce in Egitto, alla corte del faraone Putifarre il quale presto si accorge che il nuovo schiavo ha grandi doti di intelligenza e saggezza. Di lui s'invaghisce Henet, moglie del faraone, che, respinta, si vendica calunniandolo e facendolo gettare in prigione. Ma Putifarre fa uno strano sogno che solo Giuseppe può interpretare, così richiama il giovane ebreo schiavo e questi riesce a svelare il significato del sogno fatto dal faraone. Nuovamente entrato nelle grazie del monarca, Giuseppe viene nominato viceré con l'incarico, facendo tesoro dei suoi stessi ammaestramenti, di predisporre nel periodo di abbondanza le scorte di viveri per le stagioni di carestia. Egli non delude le aspettative e compie un lavoro saggio; e quando infatti arriva la siccità, le riserve si rivelano abbondanti. Anche i fratelli di Giuseppe arrivano in Egitto, spinti fin lì dalla fame, e senza riconoscerlo si recano dal viceré che dà cibo agli affamati. Giuseppe riconosce gli ignari fratelli ma non si rivela e prima di perdonarli, concedendo loro aiuto, li obbliga a ripresentarsi con il fratello minore, Beniamino. Quando ciò avviene, è presente anche il vecchio padre Giacobbe: solo allora Giuseppe si fa riconoscere. Tutti i fratelli si genuflettono davanti a lui, come era stato predetto nel sogno.

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information