876 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

Caccia all'uomo (1961)

Torna indietro

Caccia all'uomo (1961)



Regia/Director: Riccardo Freda
Soggetto/Subject: Dino De Palma, Marcello Coscia
Sceneggiatura/Screenplay: Dino De Palma, Marcello Coscia
Interpreti/Actors: Eleonora Rossi Drago (Clara Ducci), Yvonne Furneaux (Maria), Umberto Orsini (vice brigadiere Giovanni Maimonti), Andrea Checchi (brigadiere Inzirillo), Riccardo Garrone (commissario Nardelli), Alberto Farnese (Paolo Carosi), Philippe Leroy (Mazzarò), Aldo Bufi Landi (barone Platanìa), Georgia Moll (Anna), Peter Dane (Schultz), Vincenzo Musolino (Salvatore Pardino), Mario D'Auria (Filicudi), Franco Ressel (capo-cameriere), Giò Staiano (Gabriellino), Fanfulla [Luigi Visconti] (maresciallo), Vera Besusso, Nando Angelini, Franco Balducci, Mario Laurentino, Dox (cane lupo)
Fotografia/Photography: Alessandro D'Eva [Sandro D'Eva]
Musica/Music: Marcello Giombini
Scene/Scene Design: Piero Filippone
Montaggio/Editing: Otello Colangeli
Produzione/Production: Fair Film
Distribuzione/Distribution: Paramount Pictures
censura: 36089 del 24-11-1961
Altri titoli: Dox, caccia all'uomo, Agent 0-1-7 auf heisser Spur
Trama: In Sicilia il bandito Mazzarò uccide un notaio e rapisce una bambina. Il commissario Nardelli, che conduce le indagini, scopre che alla base di tutto vi è una organizzazione criminale la cui chiave è una donna, Maria, l'amante di Mazzarò ma al contempo anche di Platania, il barone del luogo. L'arrivo del cane poliziotto Dox imprime una svolta decisiva: fiutando subito la pista giusta, Dox scova con grande abilità il covo di Mazzarò e libera la bambina; il bandito viene catturato, mentre Maria precipita in un burrone. Decorato con una medaglia, Dox viene trasferito a Roma col commissario Nardelli per prendere l'efferato omicida di una bella indossatrice. L'inchiesta porta a scoprire che dietro l'uccisione della donna si nasconde un traffico di stupefacenti. Dox ancora una volta non fallisce la sua missione e cattura il colpevole, tale Schultz, meritandosi una seconda medaglia.

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information